|  |  | 

I leader se ne vanno: Due accoliti femminili del World Economic Forum si dimettono da primo ministro. Perché ognuna ha parlato di un serbatoio di gas?

Il cambiamento fa parte dello sforzo globalista di ricostruire la FIDUCIA?

Potrei sbagliarmi su questo punto. Ma qualcosa nella vaghezza dei loro discorsi mi ha fatto pensare che sia la scozzese Nicola Sturgeon che la neozelandese Jacinda (Vaccinda) Ardern avessero ricevuto un messaggio dai piani alti: era arrivato il momento di dimettersi, senza se e senza ma.

E poiché non si trattava di una loro decisione, nessuna delle due era in grado di spiegarlo in modo convincente, hanno raccontato storie simili e perplesse. E di recente hanno usato l’identica metafora del serbatoio di benzina.

Queste storie perplesse sono state forse scritte dagli stessi professionisti delle PR che collaborano con Klaus Schwab, forse professionisti del gruppo Edelman, che si occupano di ricostruire la fiducia? L’avvicendamento dei cosiddetti leader ha forse lo scopo di dare a noi peones una falsa speranza che forse il prossimo uomo o donna sarà davvero interessato a migliorare la sorte del popolo?

Daily Sceptic – La caduta di un tiranno scozzese

LONDRA – Nicola Sturgeon, leader del governo scozzese e accesa attivista per l’indipendenza della Scozia, ha annunciato a sorpresa mercoledì che si sarebbe dimessa, dichiarando che dopo più di otto anni di mandato era esausta e che era diventata una figura troppo polarizzante per guidare efficacemente la politica divisiva della Scozia.

“Continuare è giusto per me?” ha detto la Sturgeon in una conferenza stampa programmata in fretta e furia a Edimburgo. “E, cosa ancora più importante, è giusto che io continui per il mio Paese, per il mio partito e per la causa dell’indipendenza per la quale ho speso la mia vita a combattere?”

“Sono giunta alla difficile conclusione che non lo è”, ha concluso.

Ha detto che rimarrà nel suo ruolo fino a quando non verrà nominato un successore.

Ma guardate qui, dalla NPR:

Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha annunciato la sua intenzione di dimettersi dopo oltre otto anni di governo del Paese.

In una conferenza stampa tenutasi mercoledì nella sua residenza ad Edimburgo, la Sturgeon ha dichiarato ai giornalisti di aver lottato con la decisione per settimane, decidendo alla fine che qualcun altro sarebbe stato più adatto alla pressione incessante del lavoro.

“Questa decisione non è una reazione a pressioni a breve termine. Certo, ci sono questioni difficili che il governo deve affrontare in questo momento. Ma quando mai non è così?” ha detto la Sturgeon, aggiungendo poi: “La natura e la forma del discorso politico moderno significano che l’intensità – oserei dire la brutalità – dell’essere un politico è molto maggiore rispetto agli anni passati”

La decisione ha colto di sorpresa molti osservatori politici. Solo tre settimane fa, la Sturgeon aveva dichiarato alla BBC che c’era “molto lasciato nel serbatoio” sia per la sua leadership che per il movimento indipendentista scozzese che ha sostenuto.

Prestate molta attenzione all’affermazione “molto nel serbatoio”. Ecco un’altra opinione del Daily Skeptic:

Nicola Sturgeon è stata una delle leader più autoritarie dell’Occidente, nemica della libertà di parola e che non si è fatta scrupoli a trasformare il suo Paese in una dittatura temporanea durante la pandemia. Grazie a Dio se ne va. Speriamo che tutti gli altri leader occidentali che hanno commesso gli stessi errori negli ultimi tre anni seguano il suo esempio e si dimettano prima di essere respinti dai loro elettori, a cominciare da Justin Trudeau.

Jacinda Ardern era una Young Global Leader del World Economic Forum, aveva una formazione da comunicatrice ed era cresciuta come mormone. Per quello che vale, la chiesa mormone è stata storicamente una fonte di alimentazione per la CIA negli Stati Uniti.

https://www.theguardian.com/world/2023/jan/19/jacinda-ardern-resigns-as-prime-minister-of-new-zealand

“Spero di lasciare ai neozelandesi la convinzione che si può essere gentili ma forti, empatici ma decisi, ottimisti ma concentrati. E che si può essere il proprio tipo di leader – uno che sa quando è il momento di andarsene”, ha detto Ardern.

Nell’ultimo anno, la Ardern ha dovuto affrontare un significativo aumento delle minacce di violenza, in particolare da parte di gruppi di teorici del complotto e di anti-vaccini infuriati per l’obbligo di vaccinazione e per il blocco dei vaccini nel Paese. Tuttavia, ha dichiarato che l’aumento dei rischi associati all’incarico non è alla base della sua decisione di dimettersi.

In cinque anni epocali Jacinda Ardern è diventata il più importante primo ministro neozelandese del dopoguerra

“Non voglio dare l’impressione che le avversità che si affrontano in politica siano il motivo per cui le persone se ne vanno. Sì, hanno un impatto. Siamo esseri umani, dopotutto, ma non è stata questa la base della mia decisione”, ha detto.

Ardern ha dichiarato di non avere progetti per il futuro, se non quello di trascorrere più tempo con la sua famiglia.

L’annuncio del primo ministro è stato uno shock per molti neozelandesi. Durante una breve raffica di speculazioni sulle possibili dimissioni di Ardern alla fine del 2022, il primo ministro aveva dichiarato di non avere alcuna intenzione di farlo. Nelle settimane precedenti all’annuncio di giovedì, non c’erano stati indizi o fughe di notizie che facessero pensare alle sue dimissioni.

La notizia arriva mentre la Nuova Zelanda entra in un anno elettorale molto combattuto, con la data del voto annunciata per il 14 ottobre. Negli ultimi mesi i sondaggi avevano collocato il partito laburista guidato dalla Ardern leggermente dietro l’opposizione nazionale.

La Ardern ha dichiarato che il suo declino nei sondaggi non l’ha spinta a lasciare.

“Non lascio perché credo che non possiamo vincere le elezioni, ma perché credo che possiamo farlo e lo faremo, e abbiamo bisogno di un nuovo paio di spalle per questa sfida”, ha detto.

Ma ascoltate il suo discorso di dimissioni al pubblico, che ho guardato e che vale la pena di vedere:

Me ne vado perché da un ruolo così privilegiato derivano delle responsabilità. La responsabilità di sapere quando si è la persona giusta per guidare, e anche quando non lo si è.

So cosa richiede questo lavoro e so che non ho più abbastanza nel serbatoio per farlo bene. È così semplice.

La NPR forse ha raccontato la storia in modo più corretto: Le rigide politiche di Jacinda in materia di isolamento e vaccini degli ultimi tre anni, che hanno fallito miseramente nel prevenire eventuali morti e infezioni, erano ampiamente odiate e probabilmente avrebbe portato il suo partito alla disgrazia nelle prossime elezioni. Inoltre, è stata chiaramente costretta ad andarsene, dato che il suo discorso di annuncio delle dimissioni è stato molto emotivo, uno strano mix di rabbia, confusione e lacrime.

“Le pressioni sui primi ministri sono sempre grandi, ma in quest’epoca di social media, clickbait e cicli mediatici 24/7, Jacinda ha affrontato un livello di odio e vetriolo che, secondo la mia esperienza, non ha precedenti nel nostro Paese”, ha dichiarato Helen Clark, ex primo ministro della Nuova Zelanda .

Dimettendosi, Ardern dà al suo partito una possibilità di successo, ha detto Lees-Marshment.

“Le dimissioni di Ardern non sono dovute a uno scandalo, ma non c’è dubbio che il suo marchio personale sia stato contaminato“, ha detto. “I laburisti hanno legato il loro marchio al leader, quindi si trattava di un marchio di leadership, il che è stato vantaggioso nel 2017, quando Ardern era un nuovo leader, relazionabile, rassicurante e ambizioso”

EDELMAN TRUST INSTITUTE

RIPRISTINARE LA FIDUCIA IN UN MONDO FRATTURATO

Nell’ultima serie di saggi dell’Edelman Trust Institute, “Ripristinare la fiducia in un mondo fratturato”, i leader di tutte le istituzioni forniscono approfondimenti su come costruire la fiducia per ridurre la polarizzazione e riparare il nostro tessuto sociale.

La vignetta qui sopra è della vignettista Anne Gibbons, che avevo pubblicato in precedenza, il 10 febbraio.

Originariamente pubblicato da Meryl Nass

Suggerisci una correzione

Articoli simili