Robert F Kennedy Jr spiega alla sua famiglia le sue posizioni sui vaccini

Robert F Kennedy Jr

By Robert F. Kennedy, Jr.

Tre dei miei parenti Kennedy hanno pubblicato un articolo che criticava il mio supporto pubblico per vaccini sicuri. La nostra controversa disputa familiare mette in luce il feroce tafferuglio nazionale sulle vaccinazioni che ha diviso le comunità e sollevato dubbi sull’impegno del Partito Democratico nei confronti di alcuni dei suoi valori distintivi: ripugnanza della censura, diffidenza verso l’eccessivo potere aziendale, sostegno alla libertà di parola, libertà religiosa e personale sovranità sui nostri corpi e i diritti dei cittadini (codificati nel Codice di Norimberga e in altri trattati di cui siamo firmatari) di rifiutare interventi medici non richiesti dal governo. Il dibattito ha anche sollevato interrogativi sull’indipendenza della nostra stampa e sul suo ruolo di paladina della libertà di parola, e sui diritti del Primo Emendamento come baluardo contro lo sconfinamento da parte del governo e delle società.

Amo la mia famiglia e comprendo le loro ansie quando dico che i funzionari del governo sono corrotti. I Kennedy hanno una relazione lunga, stretta e continua con le agenzie di sanità pubblica, quindi è comprensibilmente difficile per noi credere che potenti organi regolatori mentirebbero sui vaccini. “Tutti i problemi sono semplici”, si dice “finché non li studi”.

Il mio scetticismo

Sono arrivato al mio scetticismo attuale dopo 15 anni trascorsi a ricercare e discutere questo problema. Ho visto conflitti finanziari e interessi istituzionali trasformare settori chiave delle nostre burocrazie sanitarie pubbliche in appendici delle stesse aziende farmaceutiche che il Congresso ha incaricato loro di regolamentare.

Molteplici indagini da parte del Congresso e dell’ispettore generale dell’HHS hanno costantemente rilevato che la stragrande maggioranza dei funzionari della FDA direttamente incaricati di autorizzare i vaccini e i funzionari del CDC che li rendono obbligatori effettivamente per i bambini, hanno legami finanziari personali con i produttori di vaccini. Questi funzionari pubblici sono spesso azionisti, beneficiari di borse di studio e consulenti pagati per i produttori di vaccini e, occasionalmente, titolari di brevetti proprio per i vaccini che votano per approvare. Questi conflitti li motivano a raccomandare sempre più vaccini con il minimo supporto della scienza basata sull’evidenza.

L’industria farmaceutica impone anche la disciplina politica attraverso i budget delle agenzie. La FDA riceve il 45% del suo budget annuale dall’industria. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ottiene circa la metà del suo budget da fonti private, tra cui Pharma e le sue fondazioni alleate. E il CDC, francamente, è una società di vaccini; possiede 56 brevetti sui vaccini e acquista e distribuisce annualmente 4,6 miliardi di dollari in vaccini attraverso il programma Vaccines for Children, che rappresenta oltre il 40% del suo budget totale. Inoltre, Pharma finanzia, popola e controlla direttamente decine di programmi CDC attraverso la fondazione CDC. Un editoriale del British Medical Journal critica l’affettuosa relazione del CDC con il settore farmaceutico; citando il professore di medicina dell’UCLA Jerome R. Hoffman “la maggior parte di noi è rimasta scioccata nell’apprendere che il CDC riceve finanziamenti dall’industria … È oltraggioso che l’industria sia apparentemente autorizzata a punire il CDC se l’agenzia conduce ricerche che hanno il potenziale per ridurre i profitti”.

HHS collabora con i produttori di vaccini per sviluppare, approvare, raccomandare e instaurare obblighi per nuovi prodotti e quindi condivide i profitti delle vendite di vaccini. I dipendenti di HHS possono riscuotere personalmente fino a $ 150.000 all’anno in royalties per i prodotti su cui lavorano. Ad esempio, i funzionari chiave di HHS raccolgono denaro su ogni vendita del controverso vaccino HPV Gardasil di Merck, che produce anche decine di milioni all’anno per l’agenzia in royalties sui brevetti. Inoltre, ai sensi della legge del 1986 che ha creato il National Vaccine Injury Compensation Program, l’HHS è l’imputato presso il Vaccine Court ed è legalmente obbligato a difendersi da qualsiasi affermazione che un vaccino causi danni. Nonostante gli elevati ostacoli per il rimborso, HHS paga centinaia di milioni di dollari all’anno (oltre $ 4 miliardi in totale) agli americani danneggiati dai vaccini. Quindi, se l’HHS pubblica uno studio che riconosce che un vaccino provoca un danno, i richiedenti possono utilizzare tale studio contro l’HHS nella Vaccine Court. Nel giugno 2009, un funzionario di alto livello dell’HHS, Tom Insel, ha ucciso una voce del budget pari a $ 16 milioni di dollari per studiare la relazione tra vaccini e autismo da parte del Comitato di coordinamento di Interagency Autism. Insel ha sostenuto che i firmatari avrebbero utilizzato questi studi contro l’HHS nel Vaccine Court.

Tali conflitti sono una formula per la “cattura dell’agenzia” con gli steroidi. “Invece di un regolatore e di un’industria regolamentata, ora abbiamo una partnership“, afferma il dott. Michael Carome, un ex dipendente di HHS che ora è direttore del gruppo di difesa Public Citizen. Carome afferma che questi intrecci finanziari hanno spostato HHS “da una prospettiva di salute pubblica a una prospettiva favorevole all’industria”.

Nel 1986, il Congresso, inondato di denaro farmaceutico (l’industria farmaceutica è la numero uno, sia per i contributi politici che per le spese di lobbying negli ultimi 20 anni) ha promulgato una legge che garantisce ai produttori di vaccini l’immunità totale dalla responsabilità per i danni causati dai vaccini. Se i vaccini fossero sicuri come sostengono i miei familiari, avremmo bisogno di garantire l’immunità alle aziende farmaceutiche per i danni che causano? La successiva corsa all’oro da parte delle aziende farmaceutiche ha aumentato il numero di vaccinazioni raccomandate da dodici inoculazioni di cinque vaccini nel 1986 a 54 inoculazioni di 13 vaccini di oggi. Un’attività collaterale da un miliardo di dollari è diventata il colosso dell’industria dei vaccini da 50 miliardi di dollari.

Poiché i vaccini sono esenti da responsabilità, ed effettivamente obbligatori per un mercato vincolato di 76 milioni di bambini, le aziende hanno scarsi incentivi di mercato per renderli sicuri. Il pubblico deve fare affidamento sugli scrupoli morali di Merck, GlaxoSmithKline, Sanofi e Pfizer. Ma queste aziende hanno una lunga storia di operazioni avventate e disoneste, anche con prodotti che devono commercializzare al pubblico e per i quali possono essere citate in giudizio per danni. Le quattro società che producono praticamente tutti i vaccini raccomandati sono tutti criminali condannati. Collettivamente hanno pagato oltre 35 miliardi di dollari dal 2009 per frodare i regolatori, mentire e corrompere funzionari governativi e medici, falsificare la scienza e lasciare una scia di lesioni e decessi a causa di prodotti che sapevano essere pericolosi e venduti con il pretesto di sicurezza ed efficacia.

Non è necessaria una sorta di dissonanza cognitiva per credere che i vaccini non siano contaminati dall’avidità, dalla negligenza e dalla corruzione che tormentano ogni altro prodotto farmaceutico?

Nessun test di sicurezza

Tali preoccupazioni si approfondiscono solo se si considera che, oltre alla libertà dalla responsabilità, i produttori di vaccini godono di un’altra scappatoia redditizia poco conosciuta; i vaccini sono gli unici prodotti farmaceutici o medici che non necessitano di essere rigorosamente testati per la sicurezza. Per ottenere una licenza dalla FDA, le aziende devono testare la sicurezza praticamente di ogni altro farmaco per anni in confronti randomizzati contro un placebo inerte. Tuttavia, non un singolo vaccino attualmente nel programma per l’infanzia del CDC è stato testato contro un placebo inerte prima della licenza. Senza test con placebo, le autorità di regolamentazione non hanno la capacità di valutare i rischi di un medicinale. Durante una deposizione del gennaio 2018, il dottor Stanley Plotkin, il vaccinologo più influente al mondo, ha riconosciuto che le ricerche che cercano di accertare la sicurezza del vaccino senza un placebo sono un “La La Land” (mondo della fantasia). Secondo il dottor Drummond Rennie, vicedirettore del Journal of the American Medical Association, “È il dipartimento di marketing, non la scienza, a guidare la ricerca”. Mi sembra assolutamente sbagliato che le legislazioni controllate dai democratici in tutto il paese stiano freneticamente approvando mandati coercitivi per prodotti farmaceutici per i quali nessuno conosce i rischi.

Inoltre, i test di sicurezza, che in genere richiedono cinque o più anni per altri prodotti medici, spesso durano solo pochi giorni con i vaccini, non abbastanza a lungo per individuare tumori o condizioni croniche come le malattie autoimmuni (ad es. diabete giovanile, artrite reumatoide, sclerosi multipla), malattie allergiche (ad es., allergie alimentari, rinite allergica, eczema, asma) o lesioni neurologiche e dello sviluppo neurologico (ad es., ADD, ADHD, narcolessia, epilessia, disturbi convulsivi e autismo). Gli inserti dei produttori che accompagnano ogni flacone di vaccini obbligatori includono avvertenze su queste e oltre 400 altre lesioni, tra cui molte gravi malattie immunitarie, neurologiche e croniche per le quali la FDA sospetta che i vaccini possano essere la causa. La legge federale richiede che il foglietto illustrativo di ciascun vaccino includa “solo quegli eventi avversi per i quali vi sono basi per ritenere che esista una relazione causale tra il farmaco e il verificarsi dell’evento avverso”.

Molte di queste malattie sono diventate epidemiche nei bambini americani dopo il 1986, in concomitanza con l’esplosione del programma vaccinale. Per i bambini americani nati nel 1986, solo il 12,8% aveva malattie croniche. Quel numero è cresciuto fino al 54% tra la generazione di vaccini (quelli nati dopo il 1986) di pari passo con il programma in espansione. Le prove, inclusi i rapporti di sorveglianza dell’HHS, gli inserti dei produttori e gli studi sottoposti a peer review, collegano tutti questi danni ai vaccini. Tuttavia, le associazioni non sono definitive perché il CDC non è riuscito a condurre gli studi randomizzati necessari per dimostrare o confutare la causalità.

HHS ha diretto l’Institute of Medicine (IOM, ora National Academy of Medicine) per supervisionare la scienza della sicurezza dei vaccini del CDC. L’OIM ha ripetutamente rimproverato l’agenzia per non aver studiato se i vaccini stanno causando queste epidemie. Nella mia esperienza, i sostenitori dei vaccini raramente citano studi specifici sottoposti a peer review per sostenere le loro affermazioni secondo cui tutti i vaccini sono sicuri, basandosi invece su appelli all’autorità; CDC, FDA, OMS o AAP. I miei parenti, ad esempio, sostengono che i vaccini sono sicuri perché lo dicono l’OMS, l’HHS, il CDC e la FDA. Ma l’HHS ha designato l’IOM come l’arbitro ultimo della sicurezza dei vaccini. E l’IOM afferma che la letteratura scientifica esistente non supporta queste affermazioni. Nonostante le richieste dell’OIM, il CDC si è fermamente rifiutato di eseguire studi sulla sicurezza.

In totale, tre rapporti IOM (1991, 1994 e 2011/2012) hanno studiato 231 eventi avversi associati ai vaccini. Per 34 malattie, l’IOM ha scoperto che le prove supportavano una connessione causale tra il vaccino e l’evento avverso. Ma per 184 eventi avversi, l’80% delle malattie esaminate, l’OIM ha rilevato che le prove di HHS erano inadeguate per accettare o rifiutare la causalità del vaccino. Come possono i nostri funzionari della sanità pubblica rivendicare la sicurezza quando non ci sono ricerche di follow-up sugli eventi avversi segnalati?

Autismo e vaccini

Approfondiamo il dogma fondamentale secondo cui la scienza ha completamente smentito qualsiasi legame tra autismo e vaccini. Tale presupposto è così radicato che i media ridicolizzano chiunque metta in discussione questa ortodossia definendolo un pericoloso eretico. Ma guarda un attimo i fatti. Nel 1986, il Congresso ordinò specificamente al CDC di determinare se i vaccini antipertosse (DTP, in seguito DTaP) stessero causando l’autismo. Allora, come oggi, molti genitori con bambini autistici affermavano che i vaccini erano una causa dell’autismo del loro bambino e che i vaccini DTP/DTaP erano/sono un sospetto popolare.

Sul suo sito Web, CDC dichiara che “I vaccini non causano l’autismo“, citando la revisione completa della letteratura 2011/2012 dell’OIM sulla scienza della sicurezza delle vaccinazioni. Tuttavia, lo studio IOM e lo studio HHS di follow-up nel 2014 affermano entrambi che il CDC non ha mai eseguito uno studio per supportare l’affermazione di CDC secondo cui DTaP non causa l’autismo. Lo stesso vale per Hep B, Hib, PCV 13 e IPV. L’unico vaccino effettivamente studiato per quanto riguarda l’autismo è l’MPR, e uno scienziato senior del CDC afferma che il CDC ha riscontrato un aumento del tasso di autismo dopo l’MPR nell’unico studio MPR/autismo mai condotto dal CDC con bambini americani. Inoltre, il principale esperto di autismo di HHS ha recentemente fornito un affidavit al DOJ spiegando che i vaccini possono causare l’autismo in alcuni bambini.

L’autismo è cresciuto da circa 1 su 2.500 prima del 1986 a uno su 36 tra i bambini della generazione di vaccini di oggi. Perché ci accontentiamo dell’affermazione del CDC che l’esplosione esponenziale dell’autismo è un mistero? Il CDC non bada a spese per rintracciare sistematicamente la fonte di 800 casi di morbillo. Ma quando gli viene chiesto dell’epidemia catastrofica di oltre 68.000 nuovi casi di autismo ogni anno, il CDC alza le spalle. Perché non chiediamo risposte? “Il CDC è paralizzato in questo momento quando si tratta di qualsiasi cosa abbia a che fare con l’autismo”, spiega l’ex scienziato senior per la sicurezza dei vaccini, il dottor William Thompson, che è ancora un dipendente del CDC. Thompson ha detto al membro del Congresso Bill Posey sotto giuramento che i pezzi grossi del CDC gli hanno ordinato di distruggere i dati che mostravano un legame tra autismo e vaccini e di pubblicare uno studio fraudolento che respingeva il collegamento. Oggi prova rimorso: “Quando vedo una famiglia con un bambino autistico, provo grande vergogna, perché sono stato parte del problema“.

Stiamo uccidendo i bambini

HHS ha anche ignorato i suoi obblighi legali di studiare i danni da vaccino e migliorare la sicurezza del vaccino. Nel 1986, il Congresso, riconoscendo che le aziende farmaceutiche non avevano più alcun incentivo a rendere sicuri i vaccini, ordinò all’HHS di studiare i danni da vaccino, lavorare per migliorare la sicurezza dei vaccini e riferire al Congresso sui suoi progressi ogni due anni. Un anno fa, ho intentato una causa che ha costretto HHS ad ammettere che in 36 anni non aveva mai eseguito nessuno di quegli studi critici.

Anche la sorveglianza sulla sicurezza del vaccino post-licenza è nel caos. Il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) del CDC, al quale medici e pazienti possono segnalare volontariamente eventi avversi vaccinali, ha ricevuto 58.381 segnalazioni nel 2018, tra cui 412 decessi, 1.237 disabilità permanenti e 4.217 ricoveri. Una revisione del VAERS finanziata dall’HHS ha concluso che “meno dell’1% degli eventi avversi del vaccino viene segnalato” al VAERS. Ciò suggerisce che ci sono cento volte più eventi avversi del vaccino rispetto a quelli riportati. Il CDC ha comunque rifiutato di imporre o automatizzare la segnalazione VAERS.

Il 9 marzo 2019, il Dr. Peter Aaby ha emesso un feroce rimprovero alle agenzie di sanità pubblica del mondo per aver continuato a consentire alle aziende farmaceutiche di vendere vaccini senza adeguati test di sicurezza. Il Dr. Aaby, autore di oltre 300 studi peer-reviewed, è una delle principali autorità mondiali sul programma di vaccini africani dell’OMS e il vincitore del più alto riconoscimento danese per la ricerca sanitaria. Il dottor Aaby è stato uno dei cinque coautori di uno studio del 2017 sul vaccino contro la difterite tetano e pertosse (DTP), il vaccino più utilizzato sulla terra, che ha scoperto che i bambini che hanno ricevuto il DTP avevano un rischio dieci volte maggiore di morire rispetto a bambini non vaccinati con DTP. Per trent’anni, i medici, incluso Aaby, non si sono mai accorti del pericolo perché i bambini vaccinati stavano soccombendo a malattie e infezioni apparentemente non correlate al vaccino. Si è scoperto che mentre il vaccino proteggeva i bambini da difterite, tetano e pertosse, indeboliva così gravemente il loro sistema immunitario che morivano a frotte per infezioni non correlate. I ricercatori hanno concluso: “Il vaccino DTP può uccidere più bambini per altre cause di quanti ne salvi da difterite, tetano e pertosse”. A marzo, un allarmato Aaby ha chiesto un cambiamento di politica: “La maggior parte di voi pensa che sappiamo cosa stanno facendo i nostri vaccini. Ma noi non lo sappiamo…. Stiamo uccidendo i bambini“.

Il programma di vaccinazione più aggressivo del mondo non ha dato al nostro paese i bambini più sani del mondo. Ora siamo al 35° posto in termini di risultati sanitari complessivi, appena dietro il Costa Rica, rendendo gli Stati Uniti, secondo la maggior parte delle misure, inclusa la mortalità infantile, i più malati del mondo sviluppato. Oltre a quelle 400 malattie croniche e danni che la FDA sospetta possano essere correlati al vaccino, la generazione del vaccino soffre di livelli senza precedenti di ansia e depressione e disturbi comportamentali che vanno dall’aggressività all’anoressia. Gli studi sugli animali e sull’uomo sottoposti a peer review hanno collegato tutti questi sintomi ai vaccini. La generazione attuale è la prima in un secolo ad avere il Q.I. inferiore, con uno straordinario calo di sette punti. I ricercatori hanno concluso che la causa scatenante è l’ambiente. Negli Stati Uniti, SAT e, più recentemente, i punteggi degli esami di avvocato stanno precipitando. Questi cali potrebbero essere il risultato dell’iniezione in dosi bolo praticamente a ogni bambino di due delle più potenti neurotossine del mondo, mercurio e alluminio, a partire dal giorno della nascita? Non dovremmo fare delle ricerche per rifiutare questa ipotesi? L’approccio logico per farlo sarebbe quello di confrontare i risultati sanitari tra bambini vaccinati e non vaccinati. Per anni, i funzionari della sanità pubblica, incluso l’OIM, hanno esortato il CDC a condurre tali studi.

Nel 2013, l’OIM ha scoperto che “Nessuno studio ha confrontato le differenze nei risultati sanitari … tra popolazioni di bambini completamente non immunizzati e bambini completamente immunizzati … Inoltre, non sono stati condotti studi progettati per esaminare gli effetti a lungo termine del numero cumulativo di vaccini o altri aspetti del programma di immunizzazione”. In un’intervista del 2008, l’ex direttore del NIH Bernadette Healy ha spiegato che l’HHS si rifiuta di eseguire studi sulla sicurezza per paura che espongano pericoli, “che spaventerebbero il pubblico” allontanandolo dai vaccini. Healy ha continuato: “Prima di tutto, penso che il pubblico sia più intelligente di così … Non penso che dovresti mai voltare le spalle a qualsiasi ipotesi scientifica perché hai paura di ciò che potrebbe mostrare”.

Negligenza mediatica

La soppressione della scienza critica della sicurezza documentata dall’OIM non sarebbe possibile senza un’epidemia di massa di negligenza mediatica. I principali media e i social media che hanno ricevuto collettivamente 9,6 miliardi di dollari di entrate dalle aziende farmaceutiche nel 2016 si sono convinti di proteggere la salute pubblica censurando in modo aggressivo le critiche a questi prodotti farmaceutici obbligatori, a responsabilità zero e non testati. Ma l’assenza di controllo da parte della stampa non lascia all’industria alcun incentivo a migliorare la sicurezza dei vaccini. Imbavagliare le discussioni sulla corruzione del governo e sulla carenza di scienza della sicurezza  e l’abolizione delle lesioni da vaccino per via legale non è una strategia che risolverà la crescente epidemia di malattie croniche.

I bambini che compongono questa generazione gravemente ferita stanno ora superando l’età di frequentazione delle scuole che avevano bisogno di costruire stanze silenziose e ali per l’autismo, installare sedie traballanti, assumere guardie di sicurezza e aumentare le spese speciali per l’educazione al 25% per accoglierli. Stanno atterrando sulla rete di sicurezza sociale che minacciano di affondare. Mentre i legislatori democratici votano per imporre più vaccini e chiedono la censura dei problemi di sicurezza, i candidati presidenziali democratici discutono su come risolvere il complesso sistema sanitario dell’America. Se non affrontiamo l’epidemia di malattie croniche, tali proposte equivalgono a riorganizzare le sedie a sdraio sul Titanic. La buona notizia per Pharma è che molti di questi bambini hanno una dipendenza permanente da prodotti di successo come Adderall, Epi-Pens, inalatori per l’asma e farmaci per il diabete, artrite e antiepilettici, prodotti dalle stesse aziende che hanno prodotto i vaccini.

La mia convinzione che tutti o alcuni di questi danni potrebbero essere correlati ai vaccini è stato il catalizzatore che ha distolto la mia attenzione dal lavoro ambientale ed energetico che amo, e mi ha spinto a diventare un sostenitore della sicurezza dei vaccini. Ho sacrificato amicizie, reddito, credibilità e rapporti familiari in una campagna spesso solitaria per costringere queste aziende a eseguire i test che risponderanno definitivamente a queste domande.

Le persone si vaccinano quando hanno fiducia negli organi di regolamentazione e nell’industria. Quando la fiducia del pubblico viene meno, la coercizione e la censura sono diventate le opzioni finali. Mettere a tacere le critiche e dispiegare poteri di polizia per imporre farmaci non testati a un pubblico riluttante non è una strategia ottimale in una democrazia.

Mio zio e mio padre sostenevano che in una società libera e aperta, la risposta alle domande difficili non dovrebbe mai essere quella di chiudere il dibattito. Ciò di cui abbiamo bisogno è la scienza, non la censura. Non sono no-vax. Sono a favore della sicurezza e della scienza. Voglio studi di sicurezza solidi e trasparenti e organi di regolamentazione indipendenti. Queste non sembrano il tipo di richieste radicali che dovrebbero dividere il nostro partito o le nostre famiglie. Come americani e Kennedy, dovremmo essere in grado di avere un dibattito civile e basato sulla scienza riguardo a queste legittime preoccupazioni.

No safety testing

Such concerns only deepen when one considers that, besides freedom from liability, vaccine makers enjoy another little-known lucrative loophole; vaccines are the only pharmaceutical or medical products that do not need to be rigorously safety tested. To win an FDA license, companies must safety test virtually every other drug for years in randomized comparisons against an inert placebo. Yet, not a single vaccine currently on the CDC’s childhood schedule was tested against an inert placebo before licensing. Without placebo testing, regulators have no capacity to assess a medicine’s risks. During a January 2018 deposition, Dr. Stanley Plotkin, the world’s most influential vaccinologist, acknowledged that researches who try to ascertain vaccine safety without a placebo are in “La La land”. According to Dr. Drummond Rennie, Deputy Editor of the Journal of the American Medical Association, “It is the marketing department, not the science, that is driving the research.”  It seems plain wrong to me that Democratic-controlled legislatures across the country are frantically passing coercive mandates for pharmaceutical products for which no one knows the risks.

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK