Uno studio conclude che il mercurio può ora essere elencato “come causa di autismo”

di Arjun Walia

Uno studio pubblicato su Pediatric Health Medicine and Therapeutics ha concluso che esiste “una relazione altrettanto significativa tra concentrazione di mercurio e autismo. Pertanto, la concentrazione di mercurio può essere elencata come una causa patogena (che causa malattie) per l’autismo”.

Lo studio ha anche scoperto che esistono quantità significative di piombo nel cervello delle persone con autismo.

Come spiega lo studio:

In questo studio, cercando nei database di Scopus, PubMed e Science Direct, sono stati raccolti 18 articoli condotti in diversi paesi dal 1982 al 2019. L’eterogeneità degli studi è stata studiata utilizzando l’indice I2. I dati sono stati analizzati utilizzando il software R e STATA.

In questi 18 studi sono stati esaminati 1797 pazienti (981 casi e 816 controlli) di età compresa tra 2 e 16 anni. È stata valutata la concentrazione dei campioni (sangue, capelli e unghie) sia per il caso che per il gruppo di controllo. Non vi era alcuna relazione significativa tra concentrazione di rame e autismo (SMD (95% CI): 0,02 (-1,16,1,20); I2=97,7%; P=0,972); c’era una relazione significativa tra concentrazione di mercurio e autismo (SMD (95% CI): 1,96 (0,56,3,35); I2=98,6%; P=0,006); c’era anche una relazione significativa tra concentrazione di piombo e autismo (SMD (95% CI): 2,81 (1,64,3,98); I2=97,8%; P=0,000).

Questa è una scoperta piuttosto significativa e integra altri ampi studi condotti in precedenza. Una meta-analisi del 2013 pubblicata sul Journal Bio Med Research International ha rilevato che

This is quite a significant finding, and complements other large studies previously done. A 2013  published in the Journal Bio Med Research International found that:

gli studi su cui si basa il CDC e sui quali ha esercitato un certo livello di controllo riportano che non vi è alcun aumento del rischio di autismo dall’esposizione all’Hg organico nei vaccini, e alcuni di questi studi hanno persino riportato che l’esposizione al Thimerosal sembrava ridurre il rischio di autismo. Questi sei studi sono in netto contrasto con la ricerca condotta da ricercatori indipendenti negli ultimi 75+ anni che hanno costantemente riscontrato che il Thimerosal è dannoso. Come accennato nella sezione Introduzione, molti studi condotti da ricercatori indipendenti hanno riscontrato che il Thimerosal è associato a disturbi dello sviluppo neurologico. Considerando che ci sono molti studi condotti da ricercatori indipendenti che mostrano una relazione tra Thimerosal e disturbi dello sviluppo neurologico, i risultati dei sei studi esaminati in questa recensione, in particolare quelli che mostrano gli effetti protettivi del Thimerosal, dovrebbero mettere in discussione la validità della metodologia utilizzata negli studi.

In natura, i metalli tossici generalmente sono legati ad altri elementi piuttosto che essere presenti nella loro forma pura. Tuttavia, con l’avvento di processi industriali su larga scala per estrarre metalli dai composti naturali, gli esseri umani hanno fatto uscire il genio dalla bottiglia, contribuendo in modo significativo alla distribuzione di mercurio, alluminio e altri metalli pesanti nell’ambiente. Quando vengono rilasciati dalla presa semi-protettiva della natura, questi metalli “invariabilmente tossici” devastano i sistemi viventi, inclusi esseri umani, animali e piante allo stesso modo.

Gli scienziati moderni hanno accumulato prove della tossicità del mercurio per decenni, con una crescente attenzione negli ultimi anni sull’associazione del metallo con i disturbi dello sviluppo neurologico, incluso il disturbo dello spettro autistico (ASD). Ecco l’articolo di revisione sulla rivista multidisciplinare Environmental Research che raccoglie anche un corpo significativo di letteratura con l’obiettivo di riassumere la ricerca attuale e le tendenze emergenti nella tossicologia del mercurio.

Di seguito è riportato un video dell’Università di Calgary che mostra come il mercurio danneggia il cervello.

Ancora una volta, il mercurio non è l’unico problema.

Un articolo pubblicato nel 2018 ha scoperto elevate quantità di alluminio nel tessuto cerebrale delle persone con autismo. Quel particolare documento è stato scaricato più di 1 milione di volte. Lo studio è stato condotto dal Dr. Christopher Exley, considerato uno dei massimi esperti mondiali di tossicologia dell’alluminio. Ha esaminato più di 100 cervelli e il contenuto di alluminio in quelli con autismo è significativamente maggiore rispetto ai cervelli “normali”.

Il Dr. Exley e un team di scienziati di diversi paesi hanno recentemente pubblicato un articolo sul Journal of Trace Elements in Medicine and Biology intitolato “Il ruolo degli adiuvanti di alluminio nei vaccini solleva questioni che meritano una scienza indipendente, rigorosa e onesta”.

Nella loro pubblicazione, forniscono prove della loro posizione che,

“la sicurezza dei coadiuvanti vaccinali a base di alluminio, come quella di qualsiasi fattore ambientale che presenti un rischio di neurotossicità e a cui il bambino piccolo è esposto, deve essere seriamente valutata senza ulteriori indugi, soprattutto in un momento in cui il CDC annuncia un aumento ancora prevalenza di disturbi dello spettro autistico, di 1 bambino su 54 negli USA”.

Potete leggere di più su alluminio e vaccini in modo più dettagliato qui.

Alcune persone con diagnosi di autismo possono essere dotate – è un ampio spettro – e altre potrebbero aver subito danni cerebrali effettivi e altri cambiamenti dovuti a fattori ambientali. L’autismo è stato a lungo ritenuto dovuto a fattori prevalentemente genetici, ma la scienza e la crescente prevalenza dell’autismo hanno dimostrato che i metalli pesanti, gli erbicidi, i pesticidi e altro ancora dovrebbero essere fortemente considerati ed esplorati ulteriormente.

Perché l’umanità vive in un modo che inquina gravemente il nostro ambiente? L’assistenza sanitaria è davvero una questione di assistenza sanitaria o il profitto viene prima di tutto? Che influenza ha l’industria farmaceutica sulla politica medica e sull’educazione medica? Questo dovrebbe renderci stanchi di dove otteniamo le nostre informazioni sulla salute poiché spesso si verificano conflitti di interesse?

Pubblicato originariamente su The Pulse.

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK
X
Share via
Copy link
Powered by Social Snap