Perché il vaccino COVID dovrebbe essere bandito per le donne incinte

Di Dr. Joseph Mercola

Un veloce riassunto

Dal lancio dei vaccini sperimentali COVID, i funzionari sanitari degli Stati Uniti hanno affermato categoricamente che i vaccini sono sicuri per le donne incinte e i loro bambini non ancora nati.

Nel frattempo, i dati rilasciati da Pfizer, resi pubblici su ordine del tribunale – dati che la FDA voleva tenere nascosti per 75 anni – rivelano che il tasso di aborto spontaneo tra le donne i cui esiti della gravidanza erano noti era dell’87,5%. Il tasso reale può essere più alto o più basso, poiché Pfizer non ha registrato né riportato gli esiti della gravidanza per 238 delle 274 donne in stato di gravidanza durante lo studio. Uno studio sponsorizzato dal CDC che è stato ampiamente utilizzato per supportare l’affermazione che il vaccino è sicuro durante la gravidanza ha riportato erroneamente i dati. Il tasso di aborto spontaneo effettivo in quel documento era dell’82%

Al 12 agosto 2022, il database VAERS (Vaccine Adverse Event Reporting) degli Stati Uniti elencava 4.941 aborti spontanei post-COVID jab. Per confronto, i rapporti di morte fetale per tutti gli altri vaccini segnalati al VAERS negli ultimi 30 anni sono 2.239

Una ricerca israeliana ha rilevato che il vaccino Pfizer COVID compromette la fertilità maschile per tre mesi dopo ogni dose, riducendo la concentrazione di spermatozoi del 15,4% e la conta mobile totale del 22,1%, rispetto al basale


Dal lancio dei vaccini sperimentali COVID, i funzionari sanitari degli Stati Uniti hanno affermato categoricamente che i vaccini sono sicuri per le donne incinte e hanno esortato tutte le donne incinte a vaccinarsi “per proteggere se stesse e i loro bambini”. Ad oggi, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomandano l’iniezione COVID per:

“… donne incinte, che allattano al seno, che cercano di rimanere incinta ora o potrebbero rimanere incinta in futuro.”

Il CDC raccomanda inoltre:

“Le donne in gravidanza dovrebbero rimanere aggiornate con i loro vaccini COVID-19, incluso nel fare il richiamo COVID-19 quando è il momento”.

E afferma:

“Ci sono prove crescenti che dimostrano che:

  • La vaccinazione COVID-19 durante la gravidanza è sicura ed efficace.
  • Al momento non ci sono prove che alcun vaccino, compresi i vaccini COVID-19, causi problemi di fertilità nelle donne o negli uomini”.

Per tutto il tempo, hanno avuto in mano dati Pfizer che mostrano che i vaccini causano tassi scioccanti di aborto spontaneo che, aggiungendo la beffa al danno, sono stati palesemente classificati erroneamente come un effetto avverso “recuperato/risolto“. Chi sano di mente considererebbe la MORTE un effetto collaterale risolto, a meno che non avessero in mente un programma di spopolamento da sempre?

Non vedo come questo possa essere descritto come nient’altro che un insabbiamento criminale. L’unico motivo per cui sappiamo tutto questo è perché il giudice distrettuale degli Stati Uniti Mark Pittman ha ordinato alla Food and Drug Administration statunitense di rilasciare documenti Pfizer a una velocità di 55.000 pagine al mese. La FDA e la Pfizer avevano chiesto di rilasciare i documenti a un ritmo di 500 pagine al mese, il che significava che ci sarebbero voluti 75 anni per divulgarli tutti.

Insabbiamento penale

La dottoressa Naomi Wolf ha recentemente riferito che un’analisi dei dati Pfizer ha rivelato che il 44% delle donne nel processo ha subito aborti spontanei. Quella statistica risulta essere stata il risultato di un errore di calcolo, poiché Pfizer ha elencato gli aborti spontanei in due colonne separate, con il risultato che sono stati contati due volte.

Abbiamo ripetutamente riscontrato che la raccolta di dati e i rapporti di Pfizer sono ovunque, e apparentemente di proposito, per rendere più difficili da accertare i rischi. Wolf ha ammesso l’errore e ha cancellato il rapporto originale. Tuttavia, mentre i fact checker stanno gongolando per la vittoria percepita, ci sono molte altre prove nel materiale Pfizer per dimostrare che questi vaccini dovrebbero essere banditi per sempre.

In un articolo di Substack del 20 agosto 2022, il dottor Pierre Kory ha affrontato altri risultati “assolutamente orribili” sugli aborti trovati nei dump di dati Pfizer:

“…facciamo un tuffo su una sola pagina tra lee molte migliaia. Vedi sotto, Sezione 5.3.6, Pagina 12 del documento intitolato “Analisi cumulativa delle segnalazioni di eventi avversi post-autorizzazione”.

Guardando il primo punto sotto l’intestazione: Casi di gravidanza: 274 casi tra cui:

Questo paragrafo, a prima vista, è solo un elenco di eventi avversi e numeri, dettagliati in un modo che confonde nel migliore dei casi e offusca nel peggiore. Penso che sia quest’ultimo perché, se si fa qualche semplice calcolo cercando di analizzare quel paragrafo, si finisce con questo:

Sono state segnalate 270 gravidanze in donne vaccinate durante le prime 12 settimane della campagna vaccinale. In 238 dei casi, “non è stato fornito alcun risultato”. Quindi, conoscevano solo l’esito di 32 gravidanze segnalate. Cosa è successo in quelle 32 gravidanze che hanno seguito?

Le mie mani tremano letteralmente mentre scrivo, ma ecco qui. In queste 32 gravidanze si sono verificate:

•23 aborti spontanei

•2 aborti spontanei con morte intrauterina

Quindi, 25 delle 32 gravidanze con esiti noti hanno provocato un aborto spontaneo, un tasso del 78%. Si noti che l’aborto spontaneo si verifica normalmente solo nel 12-15% delle gravidanze

•2 nascite premature con morte neonatale

•1 aborto spontaneo con morte neonatale

•1 risultato normale

description of missing information

Si noti che questo somma solo fino a 29 esiti noti, ma poi notano che “sono stati riportati due esiti diversi per ciascun gemello” e quindi parlano di “casi del feto/neonato come separati dai casi della madre”. Non ho idea di come interpretare i casi questa spiegazione dei risultati; quindi, potrebbero esserci stati uno o due in meno (o più) morti allora.

Quindi, delle 32 gravidanze di cui conoscevano l’esito, l’87,5% ha provocato la morte del feto o del neonato. Seppellire questi dati nel modo e non allertare il mondo su ciò che hanno trovato, è un’attività criminale…”

Per essere perfettamente chiari, la mancata registrazione e segnalazione degli esiti di 238 su 274 gravidanze durante una sperimentazione farmacologica è semplicemente sconosciuta. È incredibilmente immorale. E il fatto che sia la Food and Drug Administration che il CDC lo abbiano accettato e affermino che “non ci sono prove” di danni alle donne incinte e ai loro bambini è una prova positiva di riprovevole maleficenza.

Non è possibile correggere ciò che è andato storto presso la FDA e il CDC. La loro credibilità presso il pubblico è rovinata al di là di ogni possibile recupero. Il CDC può rivedere e riorganizzarsi tutto ciò che vuole, ma non cambia nulla. Stanno, fino ad oggi, esortando le donne incinte a fare un’iniezione che SANNO causerà la morte dei bambini. Definirla una distopia di proporzioni epiche è un eufemismo profondamente serio.

Anche lo studio sponsorizzato dal CDC ha cercato di nascondere i dati

Avete bisogno di più prove? Che ne dite del fatto che lo studio sponsorizzato dal CDC pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM) nell’aprile 2021 – che è stato ampiamente utilizzato per supportare la raccomandazione degli Stati Uniti per l’iniezione a donne in gravidanza – ha anche offuscato i dati per nascondere un aborto spontaneo sorprendentemente elevato?

Secondo questo documento, il tasso di aborto spontaneo entro le prime 20 settimane di gravidanza era del 12,5%, che è solo leggermente al di sopra della media normale del 10%. (Guardando i dati statistici, il rischio di aborto spontaneo scende da un tasso di rischio medio complessivo del 21,3% per tutta la durata della gravidanza, a solo il 5% tra le settimane 6 e 7, fino all’1% tra le settimane 14 e 20.)

Tuttavia, c’è un problema distinto con questo calcolo, come evidenziato dai Drs. Ira Bernstein, Sanja Jovanovic e Deann McLeod, HBSc, di Toronto. In una lettera del 28 maggio 2021 alla redazione, hanno precisato che:

“Nella tabella 4, gli autori riportano un tasso di aborti spontanei <20 settimane (SA) del 12,5% (104 aborti/827 gravidanze completate). Tuttavia, questo tasso dovrebbe essere basato sul numero di donne che erano a rischio di SA a causa della ricezione del vaccino e dovrebbe escludere le 700 donne vaccinate nel terzo trimestre (104/127 = 82%)”.

In altre parole, quando si escludono le donne che hanno ricevuto l’iniezione nel terzo trimestre (poiché il terzo trimestre è successivo alla settimana 20 e quindi non devono essere conteggiate nel determinare il tasso di aborto spontaneo tra quelle iniettate prima della settimana 20), il tasso di aborto spontaneo è dell’82%. (Gli errori in quell’articolo del NEJM sono stati anche esaminati in un documento su Science, Public Health Policy e Law pubblicato nel novembre 2021.)

Di quei 104 aborti spontanei, 96 si sono verificati prima delle 13 settimane di gestazione, il che suggerisce fortemente che fare un vaccino COVID durante il primo trimestre è una ricetta assoluta per il disastro. Quindi, ecco l’ennesimo tentativo di nascondere il fatto che più di 8 gravidanze su 10 potrebbero essere terminate a causa del vaccino.

Al 12 agosto 2022, il database VAERS (Vaccine Adverse Event Reporting) degli Stati Uniti elencava 4.941 aborti spontanei post-COVID jab. Per fare un confronto, i rapporti di morte fetale per tutti gli altri vaccini segnalati al VAERS negli ultimi 30 anni sono 2.239.

I tassi di natalità stanno improvvisamente crollando in tutto il mondo

Oltre agli aborti spontanei, stiamo anche osservando un brusco crollo dei tassi di natalità, suggerendo che i colpi di COVID stanno avendo un impatto negativo anche sulla fertilità futura.

“Sono grandi gocce e si verificano, quasi come un orologio, circa 9 mesi dopo che le donne incinte in tutto il mondo hanno iniziato a essere vaccinate”, osserva Kory.

Ad esempio, la Germania ha recentemente pubblicato dati che mostrano un calo del 10% del tasso di natalità durante il primo trimestre del 2022.

first quarter births by year 2011-2022

Il grafico del tasso di natalità in tempo reale per la Svezia sembra più o meno lo stesso, con un calo del 14%: secondo Gunnar Anderson, un professore svedese di demografia all’Università di Stoccolma, “Non abbiamo mai visto niente di simile prima, che il valore si abbassi così velocemente in appena un trimestre.”

live births Sweden

Tra gennaio e aprile 2022, il tasso di natalità della Svizzera è stato del 15% inferiore al previsto, quello del Regno Unito del 10% e quello di Taiwan del 23%. In Ungheria, il deputato Dúró Dóra ha espresso preoccupazione per un calo del 20% del tasso di natalità nel gennaio 2022, rispetto a gennaio 2021.

Anche gli Stati Uniti mostrano segni di un calo dei nati vivi. I dati provvisori del North Dakota mostrano un calo del 10% a febbraio 2022, una riduzione del 13% a marzo e una riduzione dell’11% ad aprile, rispetto ai mesi corrispondenti del 2021.

Nei cinque paesi con il più alto tasso di vaccinazione COVID, la fertilità è diminuita in media del 15,2%, mentre i cinque paesi con il più tasso di vaccinazione COVID hanno visto una riduzione media di appena il 4,66%.

In un articolo di Counter Signal del 5 luglio 2022, Mike Campbell ha riferito che nei cinque paesi con il più alto tasso di vaccinazione COVID, la fertilità è diminuita in media del 15,2%, mentre i cinque paesi con il più basso tasso di vaccinazione COVID hanno visto una media riduzione di appena il 4,66%. Di seguito è riportato un grafico di Birth Gauge su Twitter che confronta i dati sulle nascite dal vivo per il 2021 e il 2022 in un gran numero di paesi.

Molte donne riferiscono irregolarità mestruali dopo il vaccino

Anche gli alti tassi di irregolarità mestruali post-vaccino sono un segnale di avvertimento che la capacità riproduttiva potrebbe essere compromessa. Al 12 agosto 2022, c’erano 31.443 segnalazioni al VAERS di disturbi mestruali.

I cambiamenti periodi di ciclo più pesanti e dolorosi e cambiamenti nella lunghezza delle mestruazioni, così come sanguinamenti inaspettati o spotting tra le donne sottoposte a contraccezione a lunga durata d’azione o quelle che sono in postmenopausa e non hanno avuto il ciclo da anni o addirittura decenni.

Funzionari sanitari hanno cercato di ignorare i rapporti, ma uno studio pubblicato su Obstetrics and Gynecology, finanziato dal National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) e dall’Office of Research on Women’s Health del National Institutes of Health, ha confermato un’associazione tra durata del ciclo mestruale e iniezioni COVID-19.

Secondo gli autori, è possibile che la risposta immunitaria creata dai vaccini di mRNA influisca sull’asse ipotalamo-ipofisi-ovaio, che svolge un ruolo ben noto nei tempi del ciclo di una donna:

“I nostri risultati per gli individui che hanno ricevuto due dosi in un singolo ciclo supportano questa ipotesi. Dato il programma di dosaggio dei vaccini mRNA COVID-19 negli Stati Uniti (21 giorni per Pfizer e 28 giorni per Moderna), un individuo che riceveva due dosi in un unico ciclo avrebbe ricevuto la prima dose nella fase follicolare iniziale.

La variabilità della lunghezza del ciclo deriva da eventi che portano al reclutamento e alla maturazione del follicolo dominante durante la fase follicolare…”

Altre prove inquietanti

Uno studio di biodistribuzione giapponese per il vaccino di Pfizer ha anche mostrato che la proteina spike COVID dei colpi si accumula nelle ovaie femminili e nei testicoli maschili, e c’è una credibile preoccupazione che i vaccini COVID reagiranno in modo incrociato con la sincitina (una proteina dell’involucro retrovirale) e i geni riproduttivi nello sperma, ovuli e placenta in modi che possono compromettere la fertilità e gli esiti riproduttivi.

Uno studio sui ratti Pfizer-BioNTech ha rivelato che l’iniezione ha più che raddoppiato l’incidenza della perdita preimpianto (cioè il rischio di infertilità) e ha portato a malformazioni della bocca/mascella, gastroschisi (un difetto alla nascita della parete addominale) e anomalie nella parte destra- arco aortico laterale e vertebre cervicali. Come notato da The Exposé:

“Stando così le cose, come mai le autorità di regolamentazione della medicina in tutto il mondo sono riuscite ad affermare nella loro guida ufficiale che “gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti rispetto alla gravidanza”? E come sono riusciti a dichiarare “Non si sa se il vaccino Pfizer abbia un impatto sulla fertilità”?

La verità è che hanno scelto attivamente di nasconderlo. Lo sappiamo grazie a una richiesta per la libertà di informazione (FOI) presentata al Dipartimento dell’amministrazione dei beni terapeutici della salute (TGA) del governo australiano”.

Potete leggere di più a riguardo nell’articolo di The Exposé del 19 luglio 2022, “FOIA Reveals Pfizer & Medicine Regulators ha nascosto i pericoli della vaccinazione COVID durante la gravidanza dopo che lo studio ha scoperto che aumenta il rischio di difetti congeniti e infertilità“.

Stiamo anche assistendo a un improvviso aumento della mortalità infantile. L’Exposé ha evidenziato i dati dalla Scozia, che mostrano che i decessi neonatali erano superiori del 119% rispetto alla media annuale nel marzo 2022.

Il vaccino COVID influisce anche sulla fertilità maschile

Anche la fertilità maschile è sotto attacco da queste armi biologiche. Una ricerca israeliana pubblicata sulla rivista Andrology ha rilevato che il vaccino Pfizer COVID compromette temporaneamente ma in modo significativo la fertilità maschile, riducendo la concentrazione di spermatozoi del 15,4% e la conta mobile totale del 22,1%, rispetto al pre-vaccino di base.

Entrambi alla fine si sono ripresi, circa tre mesi dopo l’ultimo vaccino ma lo sperma di un uomo viene distrutto per tre mesi ogni volta che riceve un vaccino COVID, si sta riducendo significativamente la probabilità che abbia un figlio per buona parte di un dato anno e le statistiche esaminate sopra supportano questo.

Ricordate, i vaccini di mRNA sono raccomandati a intervalli di tre mesi per la serie originale e da allora in poi i booster vengono raccomandati a intervalli variabili. Nel video sopra, Amy Kelly, direttrice del progetto per il team di analisi dei documenti Pfizer del Daily Clout, esamina questo studio e altri problemi di fertilità maschile post-vaccino.

Mettete fine ai vaccini COVID ora, prima che sia troppo tardi per riprendervi

Nell’ottobre 2021, quando la FDA stava votando se autorizzare il vaccino COVID per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, il dottor Eric Rubin, membro del comitato consultivo della FDA, professore di Harvard ed editore capo del NEJM, ha dichiarato:

“Non impareremo mai quanto sia sicuro questo vaccino a meno che non iniziamo a somministrarlo. È proprio così che va… E penso che dovremmo votare per approvarlo”.

Quindi, in questo e in altri casi, hanno ammesso apertamente che chiunque riceve il vaccino fa parte di un esperimento. Eppure, allo stesso tempo, la FDA e il CDC hanno insistito sul fatto che i vaccini sono perfettamente sicuri, il tutto mentre sono in possesso di dati che dimostrano che sono tutt’altro che! In conclusione, sono d’accordo con Kory, che scrive:

“… quando viene introdotto un nuovo medicinale o dispositivo, è necessario presupporre che eventuali effetti avversi o decessi segnalati siano correlati all’intervento fino a prova contraria. Questo è quello che sto facendo qui.

Dobbiamo presumere che i vaccini abbiano un impatto sulla fertilità a meno che non ci siano altre spiegazioni dimostrabili o credibili per un improvviso calo dei tassi di natalità di mese in mese. Quindi fermate i vaccini finché non potete dimostrare che non ne siano la causa…

Troppi giovani muoiono, troppi diventano disabili, troppe gravidanze con conseguente morte fetale o neonatale come sopra, e ora scopriamo che se continuiamo con questa ossessione per i vaccini, non verranno sostituiti. Questa è una catastrofe umanitaria che si aggiunge a quella causata dalla pericolosa ricerca sul gain of function.

Quando il mondo si sveglierà davanti a questo orrore che si sta rapidamente svolgendo? Per quelli di noi che sanno cosa sta succedendo, è difficile non sentirsi impotenti poiché siamo costretti a guardare morti inutili sempre più evidenti e diffuse. Ma continueremo a cercare di far emergere queste verità nonostante la massiccia censura e propaganda che opprimono il globo.

Abbiamo un obbligo morale ed etico e prendiamo seriamente questa responsabilità, qualunque cosa ci accada. Stop ai vaccini, ora. E se non riusciamo a fermarli, dobbiamo cercare di convincere tutti quelli che conosciamo a non accettare più la vaccinazione. Le loro vite e il nostro futuro dipendono da questo”.

Pubblicato originariamente sul sito web del Dr. Joseph Mercola.

Le opinioni e i pareri espressi in questo articolo sono quelli degli autori e non riflettono necessariamente le opinioni di Children’s Health Defense Europe.

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK
X
Share via
Copy link
Powered by Social Snap