Il sistema sanitario nazionale inglese (NHS) finalmente dice la verità sui decessi Covid-19

di Nicole Délepine

Il CDC (il Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie) e il NHS (il servizio sanitario nazionale, il sistema sanitario pubblico del Regno Unito, fondato nel 1948) confessano il vero numero di decessi correlati a Covid-19

“Ti stanno mentendo – Dati ufficiali del NHS mostrano che solo 3.542 persone in realtà sono morte da COVID-19 “

Come i francesi, gli inglesi sono stati rinchiusi per molti mesi. Come in Francia, un falso slogan “Stay Home, Save the NHS, Save Lives” è stato impiegato per calmare le persone. Il Daily News riporta di migliaia di vite perse per mancanza di cure, mancanza di lavoro e rovina delle imprese. Il popolo inglese ha tollerato l’intollerabile pur di salvare vite umane. Sono stati portati a credere che 125.000 persone siano morte direttamente a causa del Covid-19 e che molte altre sarebbero morte senza le misure di lockdown. Intanto in Francia il presidente cavalca l’onda dei “centomila morti” anch’essi molto discutibili e contestati.

Oggi l’enormità della menzogna perpetrata al popolo inglese è dimostrata guardando i dati ufficiali del SSN sintetizzati nel documento “Covid-19 e morti totali” che i giornalisti del Daily hanno esaminato in dettaglio.

Una tabella suddivide gli 86.308 decessi sospetti di Covid-19 verificatisi fino al 31 marzo 2021 nel numero di persone con condizioni preesistenti e quelle senza condizioni preesistenti.

Degli 86.308 decessi in persone con un risultato positivo al test “Covid”, 82.766 derivano da condizioni preesistenti. Sono morte solo 3.542 persone senza comorbidità note.

Ciò non significa che i 3.542 morti senza condizioni preesistenti note siano effettivamente morti di Covid-19. Significa semplicemente che non avevano altre malattie conosciute che avrebbero potuto ucciderli. È del tutto possibile che siano morti per altre cause, come un incidente d’auto.

Registrazione di tutti i decessi di pazienti positivi al Covid-19

Questo è del tutto possibile perché gli ordini erano fin dall’inizio di registrare i decessi “come Covid” per chiunque morisse entro 28 giorni dal ricevimento di un test positivo per SARS-CoV-2!

Degli 82.766 decessi ospedalieri di persone con test SARS-CoV 2 positivi e condizioni preesistenti, 14.090 avevano una malattia renale cronica. “Ciò rappresenta oltre l’11,2 per cento dei 125.000 morti che sono stati utilizzati per giustificare la tirannia dittatoriale dello scorso anno”.

Il NHS elenca 62.054 di queste condizioni sottostanti come “altro”; 13.391 degli 82.766 decessi erano dovuti a malattie polmonari croniche, 13.495 avevano demenza e 8.544 avevano malattie cardiache, tutti presumibilmente “Covid”.

602 morti in persone sotto i 60 anni senza malattie preesistenti!

Il maggior numero di decessi positivi al test (45.127) si è verificato in persone di età superiore agli 80 anni con gravi malattie preesistenti.

Tra gli anziani positivi al test e in comorbidità di età compresa tra 60 e 79 anni, sono stati registrati 31.522 decessi.

Nelle persone sotto i 60 anni di età, dall’inizio dell’epidemia, negli ospedali inglesi, ci sono stati solo 602 decessi in persone che sono risultate positive senza comorbidità e 5.569 in persone che sono risultate positive e avevano una malattia preesistente.

Il Quotidiano si chiede perché le autorità inglesi abbiano confinato un’intera popolazione che non era praticamente a rischio di Covid-19.

“Agli studenti è stata interrotta l’istruzione, agli adolescenti è stata rovinata la loro giovane vita, i nuovi genitori sono stati lasciati a lottare da soli senza l’aiuto delle loro famiglie, l’elenco è infinito.

La maggior parte dei decessi che possono essere effettivamente dovuti al Covid-19 (solo 3.542 in tutto) si sono verificati, in modo schiacciante nelle persone di età superiore ai 75 anni.

Il governo del Regno Unito ha fornito una mappa delle “morti entro 28 giorni da un test positivo” per data di morte ed età. Le morti Covid più frequenti si sono verificate in persone di età pari o superiore a 90 anni. Il gruppo di età successivo con il maggior numero di morti è 85-89, poi 80-84 e così via. Vi è una diminuzione complessiva del numero di decessi fino a circa 65-69 anni di età. Quindi assistiamo a un drastico calo (vicino allo zero) per gli under 60.

“L’aspettativa di vita media nel Regno Unito è di 81 anni. Eppure il Regno Unito ha imposto una tirannia dittatoriale, distrutto l’economia, decimato le imprese e i mezzi di sussistenza delle persone e ha creato un’ondata di problemi di salute mentale per prevenire la morte di persone che hanno vissuto più a lungo dell’aspettativa di vita media di 81 anni “.

È tutta una bugia, 13 aprile 2021 in “Ultime notizie”

Indagine su Ufficio di statistica nazionale Servizio sanitario nazionale i dati per l’anno del Covid-19 rivelano la più grande menzogna del secolo.

Pubblicato originariamente da Riposte Laïque

 

Share:

Please read our Re-publishing Guidelines.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *