La vaccinazione COVID aumenta l’infettività della variante Delta

(Dr Mercola)

  • Secondo i CDC statunitensi, le persone che hanno ricevuto il vaccino COVID in anticipo sono ora a maggior rischio di grave malattia COVID
  • Questo può essere un segno che si sta verificando un potenziamento dipendente dall’anticorpo (ADE), o può semplicemente indicare che la protezione offerta è, nella migliore delle ipotesi, limitata a pochi mesi.
  • Recenti ricerche avvertono che la variante Delta “è destinata ad acquisire una resistenza completa ai vaccini spike di tipo selvatico”. Questo potrebbe trasformarsi in uno scenario peggiore, che predispone coloro che hanno ricevuto i vaccini Pfizer a una malattia più grave quando sono esposti al virus
  • Per “stare al passo con il virus”, l’amministrazione Biden sta ora valutando di raccomandare un’iniezione di richiamo cinque mesi dopo le due dosi iniziali, invece di aspettare otto mesi, come suggerito in precedenza.
  • I dati israeliani mostrano che il vaccino della Pfizer è passato da un’efficacia iniziale del 95% al 39% entro la fine di luglio 2021, quando il ceppo Delta è diventato predominante. L’aspettativa della FDA degli Stati Uniti per qualsiasi vaccino è un tasso di efficacia di almeno il 50% rispetto al placebo. La narrativa ufficiale del vaccino COVID-19 cambia rapidamente in questi giorni. Ci è voluto solo un mese per passare da “se sei vaccinato non prendi il COVID“, inclusa la variante Delta, a “le persone che sono state vaccinate in anticipo sono a maggior rischio di grave malattia COVID“.

Fin dall’inizio, io e molti altri esperti medici abbiamo avvertito della possibilità che queste iniezioni causassero un potenziamento anticorpo dipendente (ADE), una situazione in cui l’iniezione facilita effettivamente una cascata di complicazioni della malattia piuttosto che proteggere da essa. Di conseguenza, potresti soffrire di malattie più gravi quando incontri il virus selvaggio di quanto se non fossi stato “vaccinato”.

Sebbene non disponiamo ancora di prove definitive che si stia verificando l’ADE, stiamo vedendo segni sospetti. I dati che mostrano che coloro che hanno ricevuto l’iniezione all’inizio di quest’anno sono ora a maggior rischio di infezione grave potrebbero essere un tale segno. Come minimo, è un’indicazione che la protezione che si ottiene da questi scatti è molto temporanea, della durata di pochi mesi.

Questo ha senso se si considera che programmano il vostro corpo per produrre un solo tipo di anticorpo contro una specifica proteina spike. Una volta che la proteina spike, o altri elementi nel virus, iniziano a mutare, la protezione diminuisce radicalmente. Peggio ancora, il vaccino facilita l’effettiva produzione delle varianti perché è “permeabile”, e fornisce solo una protezione immunitaria inefficace e parziale.

L’immunità naturale è di gran lunga superiore, poiché quando guarite dall’infezione, il vostro corpo produce anticorpi contro tutte e cinque le proteine ​​​​del virus, oltre alle cellule T della memoria che sopravvivono anche quando i livelli di anticorpi diminuiscono. Questo vi dà una protezione molto migliore che probabilmente durerà per tutta la vita, a meno che voi non abbiate una funzione immunitaria compromessa.

I dati del mondo reale provenienti da Israele lo confermano, mostrando che coloro che hanno ricevuto il vaccino COVID hanno 6,72 volte più probabilità di contrarre l’infezione rispetto alle persone con immunità naturale.

Il CDC ammette che l’immunità “vaccinale” non dura

In un report del 20 agosto 2021, BPR ha osservato:

“‘I dati che pubblicheremo oggi e la prossima settimana dimostrano che l’efficacia del vaccino contro l’infezione da SARS COVID 2 sta diminuendo’, ha esordito la direttrice del CDC [Rochelle Walensky]… Ha citato rapporti di colleghi internazionali, tra cui Israele, che suggeriscono un aumento del rischio di malattie gravi tra i soggetti vaccinati in anticipo.’

Non temete, le stesse persone che hanno cercato di vendere l’immunità agli americani attraverso un vaccino e hanno promesso di restituire le libertà che hanno tolto hanno un piano, e non lasciano molto spazio alla scelta personale.

“Nel contesto di queste preoccupazioni, stiamo pianificando che gli americani ricevano richiami a partire dal prossimo mese, per massimizzare la protezione indotta dal vaccino. Il nostro piano è proteggere il popolo americano e stare al passo con questo virus”, ha condiviso Walensky…

Il direttore del CDC sembra quasi ammettere che il tasso di efficacia del vaccino ha un limite di tempo rigoroso e le sue protezioni sono limitate nell’ambiente in continua evoluzione.

“Dato questo corpus di prove, siamo preoccupati che l’attuale forte protezione contro gravi infezioni, ospedalizzazione e morte possa diminuire nei prossimi mesi. Soprattutto tra coloro che sono più a rischio o quelli che sono stati vaccinati in precedenza durante le fasi di lancio delle vaccinazioni “, ha spiegato Walensky …

A partire dal 20 settembre, gli americani che hanno completato le loro due dosi del vaccino Pfizer o Moderna almeno otto mesi fa potranno beneficiare di un richiamo. L’ingresso della porta verso una società “normale” continua ad essere spostato sempre di più. Quando ne avranno avuto abbastanza gli americani, specialmente quelli che hanno rispettato le vaccinazioni iniziali?

I dati rivelano la rapida diminuzione dell’immunità da vaccino

In effetti, i dati israeliani mostrano che il vaccino di Pfizer è passato da un’efficacia iniziale del 95%, al 64% all’inizio di luglio 2021 e al 39% alla fine di luglio, quando il ceppo Delta è diventato predominante. Nel frattempo, l’aspettativa della FDA degli Stati Uniti per qualsiasi vaccino è un tasso di efficacia di almeno il 50%.

I dati di prova di Pfizer hanno persino mostrato un’efficacia in rapida diminuzione già dal 13 marzo 2021. L’editore associato di BMJ Peter Doshi ne ha discusso in un blog del 23 agosto 2021.

Entro il quinto mese dall’inizio dello studio, l’efficacia era scesa dal 96% all’84% e questo calo non poteva essere dovuto all’emergere della variante Delta poiché il 77% dei partecipanti allo studio si trovava negli Stati Uniti, dove la variante Delta non è emersa fino a mesi dopo. Ciò suggerisce che il vaccino COVID ha un’efficacia molto temporanea, indipendentemente dalle nuove varianti.

Inoltre, mentre le autorità israeliane affermano che l’iniezione della Pfizer è ancora efficace nel prevenire il ricovero e la morte, molti di coloro che ricevono una doppia dose finiscono in ospedale, e stiamo già assistendo a uno spostamento dei tassi di ospedalizzazione dai non vaccinati a coloro che hanno fatto una o due iniezioni. Ad esempio, a metà agosto, il 59% dei casi gravi di COVID riguardava israeliani che avevano ricevuto due iniezioni di COVID.

Vaccinati oltre i 50 anni a rischio aumentato di infezione grave

I dati del Regno Unito mostrano una tendenza simile tra le persone di età superiore ai 50 anni. In questa fascia di età, le persone parzialmente e completamente “vaccinate” rappresentano il 68% dei ricoveri e il 70% dei decessi per COVID.

L’80% dei ricoverati COVID in Massachusetts è vaccinato

Anche i dati dei CDC statunitensi sollevano interrogativi sull’utilità dei vaccini COVID. Tra il 6 e il 25 luglio 2021, sono stati identificati 469 casi di COVID in un focolaio di Barnstable County, Massachusetts.

Di coloro che sono risultati positivi, il 74% ha ricevuto due iniezioni di COVID ed è stato considerato “completamente vaccinato”. Nonostante l’utilizzo di diversi standard diagnostici per individui non-vaccinati e vaccinati, in questo gruppo c’era anche un enorme 80% di ricoveri correlati a COVID.

Sebbene il vaccino Pfizer-BioNTech BNT162b2-immune abbia neutralizzato la variante Delta, quando quattro mutazioni comuni sono state introdotte nel dominio di legame del recettore (RBD) della variante Delta (Delta 4+), alcuni sieri BNT162b2-immune hanno perso l’attività neutralizzante e migliorato l’infettività.” ~ bioRxiv, 23 agosto 2021

Il CDC ha anche confermato che gli individui completamente vaccinati che contraggono l’infezione hanno una carica virale nei loro passaggi nasali come gli individui non vaccinati che vengono infettati, dimostrando che non c’è differenza tra i due, in termini di rischio di trasmissione.

Se lo stato di vaccinazione non ha alcuna incidenza sul rischio potenziale che rappresentate per le altre persone, perché abbiamo bisogno dei passaporti vaccinali? Secondo l’epidemiologo di Harvard Martin Kulldorff, questa prova demolisce il caso dei passaporti. Chiaramente non possono garantire la sicurezza, come dimostrano le epidemie in cui il tasso di vaccinazione era del 100%. Gli esempi includono focolai a bordo di una nave da crociera Carnival e della HMS Queen Elizabeth, un’ammiraglia della Marina britannica.

Uno studio prevede che il vaccino di Pfizer aumenterà l’infettività della variante Delta

Uno studio pubblicato il 23 agosto 2021 sul server di prestampa bioRxiv ora avverte che la variante Delta “è destinata ad acquisire una resistenza completa ai vaccini contro gli spike di tipo selvatico”. Questo potrebbe essenzialmente trasformarsi in uno scenario peggiore che predispone coloro che hanno ricevuto il vaccino Pfizer a malattie più gravi quando esposti al virus. Come spiegato dagli autori:

“Sebbene i sieri immuni a BNT162b2 di Pfizer-BioNTech abbiano neutralizzato la variante Delta, quando quattro mutazioni comuni sono state introdotte nel dominio di legame del recettore (RBD) della variante Delta (Delta 4+), alcuni sieri immuni a BNT162b2 hanno perso l’attività neutralizzante e hanno aumentato l’infettività.

Mutazioni uniche nel Delta NTD sono state coinvolte nell’aumentata infettività da parte dei sieri immuni a BNT162b2. I sieri di topi immunizzati dal picco Delta, ma non dalla spike di tipo selvatico, hanno costantemente neutralizzato la variante Delta 4+ senza aumentare l’infettività.

Dato che secondo il database GISAID è già emersa una variante Delta con tre mutazioni RBD simili, è necessario sviluppare vaccini che proteggano da tali varianti rivoluzionarie complete”.

L’uso proattivo dei vaccini di COVID porta all’insorgere di mutazioni pericolose

Ora è chiaro che si stanno avverando i primi avvertimenti contro la vaccinazione di massa durante un’epidemia attiva. Non sono i non vaccinati a guidare le mutazioni; sono i vaccinati, poiché le vaccinazioni semplicemente non prevengono l’infezione.

Il risultato finale, se andiamo avanti, sarà un tapis roulant di iniezioni continue per stare al passo con la giostra dell’efficacia in declino in generale, combinata con l’emergere di varianti resistenti ai vaccini.

Come riportato da Live Science:

“È più probabile che i mutanti del coronavirus resistenti ai vaccini emergano quando una grande frazione della popolazione è vaccinata e la trasmissione virale è alta” … In altre parole, una situazione che assomiglia molto a quella attuale negli Stati Uniti.

Il modello matematico, pubblicato il 30 luglio sulla rivista Scientific Reports, simula come il tasso di vaccinazione e il tasso di trasmissione virale in una determinata popolazione influenzino quali varianti di SARS-CoV-2 arrivino a dominare il panorama virale…

Se la trasmissione virale è bassa, tutti i mutanti resistenti al vaccino che emergono hanno meno possibilità di diffondersi, e quindi è più probabile che muoiano, ha affermato l’autore senior Fyodor Kondrashov, che gestisce un laboratorio di genomica evolutiva presso l’Istituto di Scienze e Tecnologia Austria.”

Questi risultati non sorprendono coloro che hanno familiarità con ricerche precedenti che mostrano la stessa identica cosa. Come spiegato in “I vaccini stanno spingendo i patogeni ad evolversi”, pubblicato su Quanta Magazine, “Proprio come gli antibiotici generano resistenza nei batteri, i vaccini possono incitare cambiamenti che consentono alle malattie di sfuggire al loro controllo”.

L’articolo descrive in dettaglio la storia del vaccino contro la malattia di Marek per i polli, introdotto per la prima volta nel 1970. Oggi siamo alla terza versione di questo vaccino, poiché entro un decennio smette di funzionare. La ragione? Il virus è mutato per eludere il vaccino. Come risultato di questi vaccini che fanno acqua, il virus sta diventando sempre più mortale e più difficile da trattare.

Un articolo del 2015 su PLOS Biology ha testato la teoria secondo cui i vaccini stanno guidando la mutazione dell’herpesvirus che causa la malattia di Marek nei polli. Per farlo, hanno vaccinato 100 polli e ne hanno tenuti 100 non vaccinati. Tutti gli uccelli sono stati quindi infettati da diversi ceppi del virus. Alcuni ceppi erano più virulenti e pericolosi di altri.

Nel corso della vita degli uccelli, quelli non vaccinati hanno emesso più ceppi meno virulenti nell’ambiente, mentre quelli vaccinati hanno rilasciato più ceppi più virulenti. Come notato nell’articolo di Quanta Magazine:

“I risultati suggeriscono che il vaccino di Marek incoraggia la proliferazione di virus più pericolosi. Questa maggiore virulenza potrebbe quindi fornire ai virus i mezzi per superare le risposte immunitarie innescate dal vaccino degli uccelli e far ammalare gli stormi vaccinati”.

Le persone vaccinate possono fungere da terreno fertile per le mutazioni

Prima del 2021, era abbastanza chiaro che i vaccini spingono i virus a mutare in ceppi più pericolosi. L’unica domanda era: fino a che punto? Ora, all’improvviso, dobbiamo credere che la scienza convenzionale abbia sempre sbagliato. Ecco un altro esempio: NPR, il 9 febbraio 2021, ha riferito che “i vaccini possono contribuire alle mutazioni del virus”. Il corrispondente scientifico della NPR Richard Harris ha osservato:

“Potreste aver sentito che i batteri possono sviluppare resistenza agli antibiotici e, nel peggiore dei casi, rendere inutili i farmaci. Qualcosa di simile può succedere anche con i vaccini, però, con conseguenze meno gravi.

Questa preoccupazione è sorta principalmente nel dibattito sull’opportunità di ritardare un secondo vaccino in modo che più persone possano ottenere la prima dose rapidamente. Paul Bieniasz, un ricercatore di Howard Hughes presso la Rockefeller University, afferma che il divario lascerebbe le persone con solo un’immunità parziale più a lungo del necessario.”

Secondo Bieniasz, gli individui parzialmente vaccinati “potrebbero fungere da terreno fertile per l’acquisizione di nuove mutazioni da parte del virus“. Questa è l’esatta affermazione che ora viene attribuita alle persone non vaccinate da coloro che non comprendono la selezione naturale.

È importante rendersi conto che i virus mutano continuamente e se non si dispone di un vaccino sterilizzante che blocca completamente l’infezione, il virus muta per eludere la risposta immunitaria all’interno di quella persona. Questa è una delle caratteristiche distintive degli scatti COVID: non sono progettati per bloccare l’infezione. Consentono il verificarsi dell’infezione e nella migliore delle ipotesi riducono i sintomi di tale infezione. Come notato da Harris:

“Questa pressione evolutiva è presente per qualsiasi vaccino che non blocca completamente l’infezione… Molti vaccini, a quanto pare, inclusi i vaccini COVID, non impediscono completamente a un virus di moltiplicarsi all’interno di qualcuno, anche se questi vaccini prevengono malattie gravi”.

In breve, così come i batteri mutano e diventano più forti per sopravvivere all’assalto degli agenti antibatterici, i virus possono mutare negli individui vaccinati che contraggono il virus, e in questi muterà per sfuggire al sistema immunitario.

In una persona non vaccinata, invece, il virus non incontra la stessa pressione evolutiva per mutare in una versione più forte. Quindi, se SARS-CoV-2 finisce per mutare in ceppi più letali, la vaccinazione di massa è il driver più probabile.

Cosa può dirci l’epidemia NFL

Come riportato il 27 agosto 2021 da MSN, poiché i giocatori sono stati incoraggiati a fare il vaccino COVID per la sicurezza di tutti, sono state messe in atto regole di test separate. I giocatori che hanno ricevuto il vaccino devono solo eseguire il test ogni due settimane, mentre i giocatori non vaccinati vengono sottoposti a test giornalieri.

Il requisito del test rilassato per i giocatori con doppio vaccino è stato utilizzato come incentivo per promuovere il vaccino. Come riportato da MSN, “Al contrario, i continui test giornalieri diventerebbero parte di un sistema punitivo che renderebbe la vita così fastidiosa per i non vaccinati che alla fine salirebbero a bordo”.

Bene, questo non ha funzionato come previsto. I giocatori dei Nine Titans e il capo allenatore Mike Vrabel ora sono risultati positivi, dimostrando che non importa davvero se sei un vaccinato con doppia dose o no. L’infezione si diffonde lo stesso tra i vaccinati. Come notato da MSN:

“La pandemia è in una fase in cui i non vaccinati stanno affrontando la vendetta di un ceppo più aggressivo di COVID-19. È anche un’era in cui i vaccinati sono alle prese con la realtà che i vaccini fatti stanno mitigando i loro sintomi e le complicazioni mediche, ma non impediscono completamente loro di contrarre l’infezione nè di trasmettere il COVID ad altri”.

Per porre rimedio alla questione, la NFL Players Association, il sindacato che rappresenta i giocatori della National Football League, chiede ora il ritorno ai test giornalieri per tutti i giocatori, indipendentemente dallo stato di vaccinazione COVID. Di volta in volta, troviamo che gli incentivi sono molto al di sotto della promessa iniziale. Così è stato anche per le mascherine.

In primo luogo, ci è stato detto che se avessimo fatto il vaccino contro il COVID, non avremmo più avuto bisogno di indossare mascherine. Naturalmente, le raccomandazioni sulle mascherine universali sono tornate in vigore quando è diventato evidente che nuove infezioni si stavano ancora verificando a un ritmo sorprendente.

Ora, vengono promossi di nuovo i test di routine con un test noto per produrre falsi positivi a un tasso di circa il 97%, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, e non c’è motivo di presumere che lo stesso non accadrà con i passaporti vaccinali. Ci viene promessa la libertà se rinunciamo all’autonomia medica, ma la libertà non sarà mai effettivamente concessa. Continueranno semplicemente a spostare in là l’asticella.

È altamente probabile, anzi addirittura prevedibile, che nonostante la sua drammatica inefficacia, il requisito per uno o due dosi di vaccino COVID sarà presto trasformato in tre, e i titolari di passaporto vaccinale che non vogliono ottenere quel terzo vaccino torneranno al Via! Saranno altrettanto indesiderabili di quelli che non si sono vaccinati.

Considerando la velocità con cui SARS-CoV-2 sta mutando, potete essere certi che ci sarà un quarto richiamo e un quinto e, beh, avete capito. I passaporti vaccinali e i requisiti per il vaccino COVID porteranno semplicemente a una situazione in cui dovrete continuare a ricevere ulteriori vaccini, o perderete tutti i vostri privilegi.

Naturalmente, ogni singola iniezione comporta rischi per la salute e il rischio di un evento avverso probabilmente aumenterà sempre di più con ogni iniezione aggiuntiva, e non è necessario essere un Nostradamus dei giorni nostri per vedere dove questo ci porterà.

Richiamo ogni cinque mesi ora in esame

Sfortunatamente, invece di accettare la realtà – ovvero che SARS-CoV-2 è qui per restare, proprio come qualsiasi altro virus comune del raffreddore e dell’influenza – e fermare la giostra delle iniezioni che peggiorano solo le cose, il presidente Biden ha detto di aver parlato con il dottor Anthony Fauci di somministrare richiami ogni cinque mesi dopo il giro iniziale di iniezioni, piuttosto che aspettare otto mesi, come suggerito in precedenza.

Mentre Fauci ha risposto rapidamente che l’obiettivo era ancora otto mesi, ha anche affermato che “siamo aperti ai dati non appena arrivano” se la FDA e il Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione stabiliscono che è necessario un termine più breve.

Israele ha iniziato a somministrare un terzo di richiamo alle persone di età superiore ai 60 anni il 30 luglio 2021. Il 19 agosto, l’ammissibilità per un richiamo è stata ampliata per includere persone di età superiore ai 40 anni, nonché donne incinte, insegnanti e operatori sanitari, anche se hanno meno di 40 anni. I primi rapporti suggeriscono che la terza dose ha migliorato la protezione nel gruppo con più di 60 anni, rispetto a quelli che hanno ricevuto solo due dosi di Pfizer. Secondo Reuters:

“Analizzando le statistiche del Gertner Institute e del KI Institute israeliani, i funzionari del ministero hanno affermato che tra le persone di età pari o superiore a 60 anni, la protezione contro l’infezione fornita dopo 10 giorni dalla terza dose era quattro volte superiore rispetto a due dosi. Una terza vaccinazione per gli ultrasessantenni ha offerto una protezione da cinque a sei volte maggiore dopo 10 giorni per quanto riguarda malattie gravi e ricoveri ospedalieri”.

Chiunque pensi che uno o più richiami siano la risposta a SARS-CoV-2 probabilmente si illude. Attendo con trepidazione i dati sui tassi di ospedalizzazione e mortalità, per non parlare dei tassi di effetti collaterali, nei mesi a venire.

Sapendo ciò che già sappiamo sui rischi di questi vaccini e sulla loro tendenza a favorire le mutazioni, sembra ragionevole sospettare che tutto ciò che stiamo facendo è scavarci un buco sempre più profondo, sempre più ampio, dal quale sarà sempre più difficile uscire.

 

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK