Un diluvio di colibrì per bloccare il “Green Pass” dell’UE

Hummingbirds Deluge Block EU Green Pass

Di Senta Depuydt

Mercoledì 24 e giovedì 25 marzo, le caselle di posta elettronica del Parlamento europeo sono state inondate di e-mail che invitavano i deputati a rifiutare la procedura accelerata per l’adozione del “Green Digital Certificate”, una sorta di passaporto vaccinale europeo.

Pochi giorni prima, la Commissione europea aveva presentato una proposta di legge per l’adozione del “Green Digital Certificate” (o “Green Pass”) con una procedura accelerata, dando ai deputati una settimana per votare sulla questione. Il documento, che fornirebbe la prova dell’avvenuta vaccinazione anti Covid-19 o un recente test PCR negativo, viene presentato come il “passaporto per la libertà” tanto atteso, in modo che i paesi dell’UE possano “riaprire” i confini e ricominciare l’attività economica, culturale e turistica.

La Commissione vuole adottarla con urgenza, per metterla in vigore prima dell’estate e garantire la possibilità di viaggiare durante le vacanze. Sebbene il certificato sia presentato come una misura temporanea, esso si applicherà, oltre al Covid-19, ad altre malattie selezionate in determinate circostanze dall’OMS e dagli Stati membri, e sembra quindi progettato per restare.

I cittadini dell’UE, che hanno già perso la libertà di movimento all’interno della zona Schengen – uno dei principi fondamentali dei Trattati dell’UE – sono comprensibilmente allarmati dalla proposta. È un tentativo di legiferare per l’essenziale abrogazione di questo diritto fondamentale, introducendo nel contempo una politica sanitaria innegabilmente discriminatoria.

Diverse organizzazioni hanno reagito velocemente e hanno invitato i loro membri a inviare una lettera-tipo redatta dal loro avvocato, esprimendo la loro indignazione ai rappresentanti eletti prima del voto ed esortandoli a respingere la procedura di emergenza.

Secondo un articolo sull’Irish Times il giorno dopo il voto, il Parlamento ha ricevuto durante la notte un “diluvio” di quasi 3.000 e-mail, che hanno persino interrotto il sistema di posta elettronica.

La lettera più diffusa era dell’avvocato Robert F. Kennedy, Jr, nipote dell’ex presidente degli Stati Uniti e forte sostenitore del consenso informato prima della vaccinazione. La sezione europea della sua associazione, Children’s Health Defense, ha diffuso l’allerta in diverse lingue.

La sua lettera mette in discussione la scienza alla base della proposta e indaga sui rischi presentati, prima di contestarne la base giuridica.

Secondo l’articolo dell’Irish Times, i “parlamentari intervistati” sono rimasti sorpresi dall’insolito volume di lettere e dalla loro “disinformazione” sui vaccini Covid-19 e sulla pandemia.

Tuttavia, durante le audizioni di mercoledì pomeriggio, poco prima del voto, diversi parlamentari hanno sollevato molti dei punti contenuti nella lettera. I Verdi, un gruppo parlamentare che si è opposto alla procedura di emergenza, hanno iniziato mettendo in discussione la logica del certificato come misura di salute pubblica:

“In primo luogo, il certificato deve avere una solida base scientifica. Non abbiamo ancora prove definitive che la vaccinazione riduca significativamente la trasmissione della malattia “

I Verdi hanno proseguito, segnalando il rischio di discriminazione rappresentato dalla proposta. Non acconsentono ad alcuna violazione dei diritti fondamentali dei cittadini europei e deplorano la mancanza di controllo democratico associata alla procedura.

È chiaro che le paure degli “attivisti” sono condivise anche da una parte della classe politica. Non si conosce fino a che punto le lettere inviate abbiano avuto una reale influenza, ma quello che è certo è che molti parlamentari le hanno lette e hanno risposto. E, mentre il Parlamento alla fine ha accettato di accelerare il Green Pass, più di 200 parlamentari hanno votato contro la proposta.

Nonostante queste preoccupazioni siano state sollevate da importanti avvocati e da migliaia di cittadini – e successivamente legittimate dal voto contrario di un terzo della Camera – l’Irish Times preferisce giocare al gioco della cospirazione. Il giornalista ripete a pappagallo le banalità dell’establishment: “no-vax”, “minaccia”, “estremismo” e “disinformazione”, tutto progettato per distogliere l’attenzione dall’importanza dell’azione dei cittadini e disattivare le facoltà critiche del lettore.

Il giornalista si spinge fino a suggerire che questo diluvio di e-mail potrebbe essere il lavoro di un “algoritmo” e di un “sistema di distribuzione centralizzato”. Questo non è certamente il caso della lettera di Children’s Health Defense Europe: dopo aver pubblicato la lettera di Kennedy sulla nostra pagina web, abbiamo visto diverse migliaia di persone iscriversi alla nostra newsletter, proprio mentre stavano contattando i loro eurodeputati.

Forse è sorprendente che così tante persone abbiano impiegato del tempo, a volte diverse ore, per contattare i deputati al Parlamento europeo, poiché non si trattava semplicemente di “fare clic e inviare” un modulo, ma piuttosto di comporre più messaggi di posta elettronica e inviarli individualmente dal proprio indirizzo.

Questa rapida mobilitazione dimostra che una parte significativa della popolazione vuole essere ascoltata. Possiamo vedere un vero movimento di cittadini prendere forma in tutta Europa e nel mondo.

Perché le cose potrebbero ancora cambiare. Il mandato per i negoziati con il Consiglio europeo dovrà essere adottato dagli eurodeputati nella prossima sessione plenaria dal 26 al 29 aprile. Fino ad allora, è nelle mani della commissione per le libertà civili (LIBE), la quale ha chiesto di riesaminare il dossier e potrebbe apportare importanti emendamenti. Infine, il testo emendato dovrà essere votato insieme dal Parlamento e dal Consiglio.

Intanto cresce la parte della popolazione pronta a difendere i propri diritti. Il “diluvio” di e-mail che è piovuto sul Parlamento europeo deriva dagli sforzi congiunti di migliaia di persone che, come piccoli – diciamo – colibrì della democrazia, sperano di spegnere il fuoco liberticida acceso dalle lobby per fingere il dispotismo della salute. È tempo di riflettere sul messaggio di una favola famosa in tutto il mondo: ogni azione collettiva inizia con gli sforzi di una manciata di individui …

“Un giorno, un enorme incendio divampò nella foresta. Tutti gli animali fuggirono o si tirarono indietro, guardando impotenti mentre il disastro avveniva. Ad eccezione di un piccolo colibrì, che era impegnato a trasportare gocce d’acqua per spegnere il fuoco. Diversi animali lo derisero: “Oh Colibrì, è assurdo. Poche gocce d’acqua non spegneranno il fuoco! “Ma il colibrì rispose imperturbabile:” Lo so. Sto solo facendo la mia parte. ‘”

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK