Robert F. Kennedy, Jr. vola in Europa per sostenere l’alleanza per la democrazia

L’importanza di Svizzera e Italia

Berna, Svizzera, 12 novembre

Venerdì 12 novembre Robert F. Kennedy Jr. parteciperà alla manifestazione nazionale nella capitale svizzera Berna, dove si svolgerà una battaglia cruciale per il futuro della democrazia in Europa. Di fronte alle restrizioni alle libertà messe in atto dal governo federale durante la pandemia, il popolo svizzero, guidato dagli “Amici della Costituzione” di vari cantoni, ha chiesto un referendum nazionale. Un rifiuto della politica sanitaria in Svizzera segnerebbe una prima vittoria nella resistenza all’agenda totalitaria globale e darebbe un segnale forte alle nazioni europee.

La Svizzera è al centro della battaglia per la democrazia, poiché si trova in una posizione ambivalente. La sua costituzione, che governa la Confederazione di 26 cantoni, si ispira alla costituzione americana e ne fa lo Stato più democratico d’Europa. Oltre agli ampi poteri di autonomia di cui godono i Cantoni, l’organizzazione politica si basa su una forma unica di democrazia diretta, grazie al voto dei cittadini su diverse proposte legislative e alla possibilità di richiedere referendum, se abbastanza persone lo richiedono.

Il fatto che non sia membro dell’Unione Europea, e che utilizzi una propria moneta, ne fa una paladina della sovranità, ma paradossalmente è sede di tutte le organizzazioni internazionali che oggi chiedono una governance globale centralizzata di fronte ad una minaccia globale permanente.

La Svizzera è un paradiso di segretezza bancaria e commerciale e ha beneficiato notevolmente delle agevolazioni che ha concesso a mega multinazionali (ad esempio Google, HP) e organizzazioni internazionali che finora hanno evitato di imporre politiche eccessivamente restrittive a questo paese ospitante. In Svizzera non esistono associazioni mediche, nessun obbligo di vaccinazione, nessuna misura di contenimento. Gli svizzeri hanno sempre trovato modi per sfuggire a guerre, carestie e regimi totalitari.

Ma negli ultimi mesi si è fatta sentire la pressione dell’agenda sanitaria e, sebbene il governo abbia promesso di non implementare mai un lasciapassare sanitario, ora sta facendo marcia indietro e la vaccinazione viene spinta al limite.

Ora, la fiducia che i cittadini avevano nei loro politici è stata spezzata. E in tale contesto, è fondamentale che i cittadini svizzeri prendano la piena misura della posta in gioco in questo referendum.

La partecipazione di Robert F. Kennedy, Jr. e Mary Holland all’evento di Berna, così come di altri relatori stranieri, come l’avvocato tedesco Reiner Fuellmich, il Prof. Wolfgang Wodarg, ex membro del Parlamento Europeo, o il Prof. Dr. Sucharit Bhakdi, sarà un’opportunità per far capire a coloro che ancora credono di essere dei privilegiati che potrebbero non sfuggire al colpo di stato globale che opera sotto le spoglie di una risposta alla pandemia.

Il referendum del 28 novembre sarà un braccio di ferro tra lo spirito di indipendenza dei cittadini e la volontà di potenza degli attori di un nuovo ordine mondiale, il Forum economico mondiale di Davos, l’Organizzazione mondiale della sanità e l’alleanza GAVI a Ginevra, o la “banca delle banche”, la Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea.

Nonostante sia iniziato in ritardo, il movimento di resistenza ha raggiunto gran parte della popolazione nei diversi cantoni e la possibilità di vincere la battaglia è reale. In caso di successo, la Svizzera diventerebbe il primo Paese a rifiutare le misure sanitarie e a tornare sulla via della democrazia, infliggendo una pungente umiliazione all’arrogante tracotanza dei papi del reset, Schwab, Gates, Fauci, Tedros e dei loro accoliti.

Milano, Italia, 13 novembre

A differenza della Svizzera, l’Italia, dove sono stati segnalati i primi casi di coronavirus dopo la Cina, è il Paese in Europa dove le misure sanitarie non sono state solo le prime ad essere imposte, ma anche le più estreme. Il terrore iniziale sperimentato dagli italiani di fronte alla minaccia della pandemia e il susseguirsi di misure draconiane che sono state imposte hanno aggravato la stagnazione economica e la crisi sociale in cui il Paese era già immerso.

La nomina di Mario Draghi, ex capo della Banca Centrale Europea, a Presidente del Consiglio ha spinto l’Italia verso l’attuazione accelerata del “grande reset” e il suo obiettivo di controllo permanente e centralizzato.

A settembre i medici sono stati sottoposti a vaccinazione obbligatoria, sancita dal divieto di esercitare. E nonostante un tasso di vaccinazione molto alto tra la popolazione generale, il pass sanitario è stato introdotto in maniera molto restrittiva, in quanto ormai diventato un requisito per l’accesso al lavoro.

Milioni di persone si stanno opponendo a questa discriminazione e a questo obbligo di vaccinazione mascherato, gettando il paese nel caos. Spinto alla miseria, il popolo è più diviso che mai tra coloro che lottano per difendere la democrazia e coloro che sperano che obblighi crescenti consentano un ritorno alla vita normale.

Tuttavia, una parte significativa della popolazione è consapevole che al di là della situazione sanitaria, il pass è destinato a diventare un portafoglio digitale, ovvero uno strumento di controllo economico, attraverso l’introduzione dell’euro digitale abbinata a un monitoraggio continuo, simile al credito sociale utilizzato in Cina. Nelle università, molti professori e studenti si stanno ribellando a questo futuro orwelliano, alcuni di loro tengono conferenze in pubblica piazza, perché non possono entrare negli auditorium.

Manifestazioni contro il pass si tengono ogni settimana nella maggior parte delle città e sono spesso represse con la violenza. Di recente, i portuali della città di Trieste hanno scioperato per diversi giorni, bloccando uno dei porti commerciali più importanti d’Europa. Le immagini della loro resistenza coraggiosa e pacifica hanno commosso il mondo. Gli occhi dell’Europa ora sono puntati sull’Italia. Se cade l’Italia, seguiranno altri Paesi.

Di fronte a questa situazione esplosiva e preoccupante, la maggior parte dei politici ha presentato senza resistenza le riforme della “quarta rivoluzione industriale” presentate dal World Economic Forum come l’unica via d’uscita dalla pandemia e dal collasso economico.

In questo contesto, è essenziale che il popolo italiano prenda coscienza senza indugio della realtà dell’agenda globale emergente e del sorgere di un movimento di resistenza internazionale contro di essa. Sabato 13, Robert F. Kennedy, Jr. sarà a Milano insieme a coloro che manifestano contro l’uso della tessera sanitaria. Testimonierà con l’avvocato per i diritti umani e professoressa Mary Holland sulle azioni legali intraprese negli Stati Uniti e sulla resistenza di molti Stati, determinati a difendere i diritti costituzionali del popolo americano. Kennedy espone la frode e il profitto spudorato della mafia medica con sede negli Stati Uniti che opera una morsa sulla salute pubblica globale attraverso la risposta alla pandemia.

La sua recente apparizione su La7, l’imminente uscita di un libro che si interroga sulle politiche sanitarie e i milioni di persone che ogni giorno trasmettono le sue informazioni sono la prova che la marea dell’informazione sta cambiando, e che l’opinione pubblica e la classe politica potrebbero presto svegliarsi.

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK
Share via
Copy link
Powered by Social Snap