Rapporti di danni a seguito di vaccini COVID tra i 12 ei 17 anni – gli ultimi dati di VAERS mostrano un incremento di più del triplo in una settimana

di Megan Redshaw

I dati VAERS pubblicati oggi hanno mostrato 262.521 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID, inclusi 4.406 decessi e 21.537 danneggiati gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 21 maggio 2021.

Il numero di eventi avversi segnalati a seguito dei vaccini COVID continua ad aumentare, secondo i dati diffusi oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). I dati provengono direttamente dalle segnalazioni inviate al VAERS ( Sistema di segnalazione degli eventi avversi da vaccino).

Il VAERS è il principale sistema finanziato dal governo degli Stati Uniti per la segnalazione delle reazioni avverse ai vaccini. I rapporti presentati al VAERS richiedono ulteriori indagini prima che possa venire confermata una relazione causale.

Ogni venerdì, il VAERS rende pubbliche tutte le segnalazioni di danni da vaccino ricevute a partire da una data specificata, di solito circa una settimana prima della data di pubblicazione. I dati di oggi mostrano che tra il 14 dicembre 2020 e il 21 maggio, sono stati segnalati al VAERS un totale di 227.521 eventi avversi totali, inclusi 4.406 morti – un aumento di 205 casi rispetto alla settimana precedente – e 21.537 danneggiati gravi , in aumento di 3.009 casi dalla precedente settimana.

I dati di questa settimana hanno mostrato 3.449 eventi avversi totali, rispetto ai 943 casi riportati nella scorsa settimana per la fascia tra i 12 ei 17 anni. I dati di questa settimana includono 58 segnalazioni di eventi avversi gravi nella fascia di età compresa tra 12 e 17 anni.

Negli Stati Uniti 281,6 milioni di dosi del vaccino COVID sono state somministrate a partire dal 21 maggio. Il totale include 120 milioni di dosi di Moderna, 152 milioni di dosi di Pfizer e 10 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J&J) (vaccini contro il covid).

Dei 4.406 decessi segnalati al 21 maggio, il 23% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione, il 16% entro 24 ore e il 38% si è verificato in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione.

I dati VAERS di questa settimana mostrano:

Il CDC sta studiando i problemi cardiaci inadolescenti e teenager dopo il vaccino COVID

Il 24 maggio il Difensore ha riferito che il CDC sta indagando sui rapporti di problemi cardiaci in adolescenti e giovani adulti vaccinati contro il COVID. Il Comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione ha rilasciato una nota il 17 maggio, avvisando i medici di segnalazioni di miocardite, che sembrava verificarsi prevalentemente negli adolescenti e nei giovani adulti, più spesso nei maschi che nelle femmine, più spesso dopo la seconda dose, e tipicamente entro quattro giorni dalla vaccinazione con vaccini Pfizer o Moderna . La maggior parte dei casi sembrava essere “lieve” e il follow-up è in corso.

Il CDC ha riferito che i suoi sistemi di monitoraggio non hanno rilevato più casi di miocardite di quanti ce ne si aspetterebbe nella popolazione, ma i membri del comitato per le vaccinazioni hanno affermato che gli operatori sanitari dovrebbero essere informati delle segnalazioni del “potenziale evento avverso”.

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco che può portare ad aritmia cardiaca e morte. Secondo l’Organizzazione nazionale per i disturbi rari, la miocardite può derivare da infezioni, ma “più comunemente la miocardite è il risultato della reazione immunitaria del corpo ad un danno cardiaco iniziale”. La pericardite è un’infiammazione del tessuto che circonda il cuore, e può causare dolore toracico acuto e altri sintomi.

Come il Difensore ha riferito il 26 maggio, una settimana dopo che il CDC aveva annunciato di stare studiando l’infiammazione cardiaca in giovani adulti vaccinati di recente, il Connecticut ha riportato 18 nuovi casi di problemi cardiaci tra gli adolescenti che avevano ricevuto uno tra i vaccini COVID. Tutti i 18 casi hanno portato al ricovero in ospedale, la stragrande maggioranza per un paio di giorni, mentre un individuo è rimasto ricoverato in ospedale dal 26 maggio.

L’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto durante un briefing con la stampa: Lunedì l’amministrazione Biden continuerà a consigliare ai giovani di vaccinarsi, nonostante i casi segnalati di miocardite.

Una ricerca rileva nel VAERS 419 casi segnalati di pericardite e miocardite tra tutti i gruppi di età negli Stati Uniti a seguito della vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e il 21 maggio. Dei 288 casi segnalati, 247 casi sono stati attribuiti a Pfizer, 151 casi a Moderna e 20 casi al vaccino COVID di J&J.

Moderna chiederà l’autorizzazione della FDA per i ragazzi dai 12 ai 17 anni all’inizio di giugno

Axios riferisceche il 25 maggio Moderna ha annunciato che il suo vaccino è risultato sicuro e efficace al 100% per la protezione contro COVID in uno studio di fase 3 su oltre 3.700 partecipanti di età compresa tra 12 e 17 anni. Non sono stati identificati problemi di sicurezza significativi e gli effetti collaterali erano generalmente coerenti con quelli osservati in uno studio precedente su adulti, ha detto la società .

Moderna intende cercare di avere dalla FDA il mese prossimo l’autorizzazione per l’uso di emergenza del suo vaccino COVID estesa agli adolescenti. Se approvato, sarebbe il secondo vaccino disponibile per i giovani adolescenti.

Numero di bambini ricoverati per COVID gonfiati di almeno il 40%

Il 26 maggio il Difensore ha riferito che due articoli pubblicati sulla rivista Hospital Pediatrics riportavano che i ricoveri pediatrici per COVID erano stati gonfiati almeno del 40%, comportando potenziali implicazioni per i dati utilizzati a livello nazionale per giustificare la vaccinazione dei bambini.

Uno studio dei ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Stanford ha scoperto che il conteggio delle infezioni SARS-CoV-2 nei bambini ospedalizzati ha sopravvalutato l’impatto del COVID nelle popolazioni pediatriche perché i numeri includevano molti pazienti asintomatici.

Su 117 ricoveri ospedalieri, gli autori hanno concluso che 53 pazienti (45%) sono stati ricoverati per motivi estranei al virus. Lo studio ha anche rilevato che il 39,3% (o 46 pazienti) codificato come SARS-CoV-2 era in realtà asintomatico.

Nel secondo studio , su 146 registrazioni che elencano i pazienti come positivi per SARS-CoV-2 dal 1 maggio 2020 al 30 settembre 2020, gli autori hanno classificato 58 pazienti (40%) come aventi diagnosi “incidentale”, il che significa che non c’era documentazione di sintomi COVID prima del ricovero.

Lo stesso studio ha classificato 68 pazienti, o il 47%, come “potenzialmente sintomatici”, che è stato definito quando “COVID-19 non era il motivo principale di ammissione per questi pazienti, e COVID-19 da solo non richiedeva direttamente il ricovero in ospedale senza una condizione concomitante.”

“Il nostro obiettivo è assicurarci di disporre di dati accurati su come si ammalano i bambini “, ha detto il Dr. Alan Schroeder , professore clinico di terapia intensiva pediatrica e di medicina ospedaliera pediatrica. “Se ci affidiamo ai risultati positivi del test SARS-CoV-2 degli ospedali, stiamo aumentando di circa il doppio il rischio effettivo di ospedalizzazione per la malattia nei bambini”.

L’OSHA inverte bruscamente la rotta, afferma che i datori di lavoro non saranno responsabili per i danni da vaccino COVID

L’Amministrazione federale per la sicurezza e la salute sul lavoro ( OSHA ) ha rapidamente invertito la sua posizione sulla richiesta alle aziende che impongono i vaccini COVID di trattare le reazioni avverse come “danni registrabili”, annunciando che non applicherà più la sua precedente sentenza .

L’OSHA ha affermato di aver apportato la modifica al fine di evitare “l’apparenza di scoraggiare i lavoratori” dal ricevere il vaccino COVID e anche perché non voleva “disincentivare gli sforzi di vaccinazione dei datori di lavoro”.

Il Difensore ha contattato l’OSHA e ha chiesto perché l’agenzia ha cambiato bruscamente la sua politica, chi ha fatto pressioni sull’OSHA per cambiare la sua posizione e perché le reazioni avverse causate dai vaccini COVID – che a un dipendente potrebbero essere richiesti come condizione di impiego e che rientrerebbero nel 29 CFR 1904.7 – non sarebbero registrate come infortunio sul lavoro.

L’OSHA ha risposto indirizzandoci ai Centers for Disease Control and Prevention per saperne di più sul coronavirus, sulle strutture OSHA locali e regionali e sul sito web del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti. Un portavoce dell’OSHA ha rifiutato di fornire ulteriori informazioni.

Il Belgio sospende il vaccino J&J per le persone sotto i 41 anni

Il 27 maggio il Difensore ha riferito che il Belgio ha annunciato di avere sospeso le vaccinazioni con Il vaccino di J&J per le persone di età inferiore ai 41 anni, a seguito della morte di una donna per coaguli di sangue dopo aver ricevuto il vaccino.

L’EMA sta rivedendo la morte della donna insieme ad altri casi di trombosi con le agenzie farmaceutiche belghe e slovene, e ha chiesto a J&J di effettuare una serie di studi aggiuntivi per aiutare a valutare un possibile legame tra l’iniezione e rari coaguli di sangue.

I ricercatori collegano AstraZeneca agli ictus nei giovani adulti

Il 27 maggio il Difensore ha riferito sui primi casi di ictus da occlusione arteriosa di grandi vasi in giovani adulti legati al vaccino di AstraZeneca, descritti in dettaglio per la prima volta in una lettera pubblicata online nel Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry.

I tre casi, uno dei quali fatale, si sono verificati in due donne e un uomo tra i 30 ei 40 anni che hanno sviluppato caratteristiche di VITT, una reazione associata al vaccino AstraZeneca.

“Questi sono i primi rapporti dettagliati di ictus arterioso che si ritiene sia causato da VITT dopo il vaccino AstraZeneca COVID, sebbene l’ictus sia stato menzionato in precedenza nei dati VITT”, l’autore senior, il dottor David Werring, professore di neurologia clinica presso lo Stroke Research Centro, University College London Queen Square Institute of Neurology, ha detto a Medscape Medical News .

Aumentano i decessi dovuti a trombosi causati dal vaccino AstraZeneca

Il 27 maggio, il Difensore ha segnalato che un uomo dell’Ontario sulla quarantina è morto dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino AstraZeneca. La dottoressa Barbara Yaffe, direttore sanitario associato dell’Ontario, ha detto che la sua morte è in corso di indagine, ma l’uomo ha sofferto di trombocitopenia trombotica immunitaria indotta dal vaccino . L’ufficiale medico capo Dr. David Williams ha limitato le vaccinazioni con AstraZeneca per le persone che non hanno ancora ricevuto la prima dose a partire dall’11 maggio, a causa di un tasso di trombosi superiore al previsto.

In Grecia, una donna di 63 anni è morta per trombosi dopo la vaccinazione con AstraZeneca. Il caso era uno dei quattro indagati dall’Organizzazione nazionale per i medicinali per una potenziale correlazione tra il vaccino AstraZeneca e rari coaguli di sangue.

Il 27 maggio, The Guardian ha segnalato che la pluripremiata conduttrice radiofonica della BBC Lisa Shaw è morta dopo aver sofferto di trombosi a seguito della vaccinazione con AstraZeneca, secondo la sua famiglia. La 44enne ha sviluppato forti mal di testa una settimana dopo aver ricevuto il vaccino, e si è ammalata gravemente pochi giorni dopo, hanno detto i parenti in un comunicato. Shaw è morta all’infermeria Royal Victoria il 21 maggio dopo essere stata curato in terapia intensiva per trombosi e emorragie.

L’agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito ha affermato che i benefici del vaccino continuano a superare i rischi per la maggior parte delle persone. Non ha dimostrato che il vaccino causa i coaguli, ma ha detto che il legame si sta rafforzando.

Come il Difensore ha segnalato Il 25 maggio, l’Agenzia europea del Farmaco (EMA) sta indagando sulla morte della modella britannica Stephanie Dubois, morta per trombosi pochi giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose di vaccino COVID di AstraZeneca. Dubois, 39 anni, non aveva patologie pregresse secondo i funzionari sanitari dell’ospedale di Nicosia, dove è stata ricoverata il 14 maggio, dopo aver avuto problemi respiratori. La modella ha avuto un’emorragia cerebrale ed è entrata in coma prima dimorire il 21 maggio.

Il due volte arciere olimpico Haziq Kamaruddin è morto all’età di 27 anni il 14 maggio, dopo avere avuto un malore a casa sua alcuni giorni dopo aver ricevuto il vaccino COVID della Pfizer. Kamaruddin è morto a causa di un blocco ad un’arteria coronarica, ha detto sabato il ministero della Salute, aggiungendo che non c’erano prove di un collegamento con il vaccino.

Esistono diversi motivi per cui un’arteria coronarica può bloccarsi, incluso un coagulo di sangue, secondo Yale Medicine .

Come il Difensore ha segnalato il mese scorso, tutti e tre i vaccini autorizzati negli Stati Uniti, incluso Pfizer, possono potenzialmente causare coaguli di sangue.

Dopo oltre 81 giorni, il CDC continua ad ignorare le richieste del Difensore

Secondo il Sito web CDC , “Il CDC segue ogni segnalazione di morte per richiedere ulteriori informazioni, per saperne di più su ciò che è accaduto, e per determinare se la morte è stata il risultato del vaccino o non è correlata ad esso”

L’8 marzo il Difensore ha contattato il CDC con un elenco scritto di domande sui decessi e i danni segnalati relativi ai vaccini COVID. Il 19 maggio, un dipendente di CDC ha detto che le nostre domande erano state esaminate e la nostra richiesta era in sospeso nel loro sistema, ma non ci avrebbe fornito una copia della risposta.

Sono passati 81 giorni da quando abbiamo inviato la nostra prima e-mail che chiedeva dettagli sui dati e i rapporti del VAERS.

Children’s Health defense chiede a chiunque abbia subito una reazione avversa, a qualsiasi vaccino, di presentare una segnalazione successiva seguendo questi tre passaggi .

Originariamente pubblicato in Il Difensore .

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK
Share via
Copy link
Powered by Social Snap