L’UE approva il passaporto COVID: Ecco come funziona e perché gli Stati Uniti non ce l’hanno

La Commissione europea il 14 giugno ha firmato un regolamento per creare il certificato digitale COVID UE, invece la legge degli Stati Uniti vieta ancora la creazione di una banca dati dei vaccini nazionale, lasciando agli stati le decisioni sul passaporto vaccinale.

La Commissione europea il 14 giugno ha formalmente firmato la normativa per creare il certificato digitale COVID UE. Il regolamento entrerà in vigore il 1° luglio e scadrà tra 12 mesi.

Gli Stati membri sono tenuti a iniziare a rilasciare i primi certificati entro sei settimane dalla data di inizio del 1° luglio, se non l’avranno ancora fatto per quella data.

Durante la cerimonia ufficiale della firma, le tre principali istituzioni dell’UE – Parlamento, Consiglio e Commissione – hanno firmato il regolamento per mostrare il loro sostegno, affermando che il certificato è “un simbolo di ciò che rappresenta l’Europa”.

Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia hanno iniziato a rilasciare i primi passaporti il 1° giugno. Austria, Estonia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo e Spagna hanno iniziato a rilasciare passaporti qualche giorno dopo.

Ci si aspetta che gli altri paesi dell’UE e dell’area Schengen, tranne l’Ungheria e la Finlandia che sono ancora nella fase sperimentale, si connetteranno al nuovo quadro tecnologico.

Come funziona il passaporto UE

Secondo lo schema del passaporto vaccinale, ogni Stato membro dell’UE emetterà il proprio certificato, ma tutti adotteranno gli stessi requisiti di ingresso per i visitatori.

Le persone otterranno i loro passaporti attraverso i centri di test o le autorità sanitarie, o direttamente tramite un portale eHealth.

La versione digitale del certificato può essere memorizzata su un dispositivo mobile. I cittadini possono anche richiedere una versione cartacea. Entrambi avranno un codice QR che contiene informazioni essenziali, così come una firma digitale per garantire che il certificato sia autentico.

Il certificato digitale COVID mostrerà che una persona è stata vaccinata contro la COVID-19, ha ricevuto un risultato negativo dal tampone o è guarita dal virus.

Le informazioni del certificato differiscono in base allo stato di vaccinazione degli utenti. Per coloro che hanno ricevuto la loro iniezione, saranno documentati la fabbricazione del vaccino, la data della vaccinazione e il numero di dosi.

Per coloro che non sono ancora stati vaccinati, gli Stati membri richiedono che siano forniti i risultati del test PCR o dell’antigene quando si viaggia da un paese e all’altro. Il passaporto registrerà “il tipo di test, la data e l’ora esatta del test, il nome del centro di test e i risultati”.

L’intento dichiarato del certificato digitale COVID è quello di permettere alle persone di muoversi tra i paesi dell’UE senza doversi mettere in quarantena o sottoporsi a ulteriori test per il coronavirus. Tuttavia, secondo il regolamento, gli stati membri possono imporre ulteriori restrizioni di viaggio nei casi in cui “misure aggiuntive siano necessarie per salvaguardare la salute pubblica”.

E i viaggiatori che provengono dagli Stati Uniti?

All’inizio di questo mese, un portavoce dell’UE ha detto che l’applicazione potrebbe essere estesa ai cittadini di paesi non UE, compresi gli americani che ottengono il certificato, che sarebbero esenti da restrizioni di viaggio e requisiti di quarantena.

“In questo momento, se sei un americano che non vive nell’UE, potresti ottenere il certificato se chiedi alle autorità nazionali di uno stato membro di darti quel certificato sulla base di qualche prova che sei stato vaccinato o hai avuto un recente test COVID”, ha detto il portavoce dell’UE.

La decisione se permettere ai cittadini extracomunitari di usare l’applicazione spetta ad ogni singolo stato membro.

Perché gli Stati Uniti non avranno presto un passaporto vaccinale nazionale

Un feroce dibattito ha preso il via in tutti gli Stati Uniti sul fatto che un certificato sanitario digitale o “passaporto vaccinale” debba essere richiesto o meno per dimostrare il proprio status vaccinale, ha riferito il New York Times.

Finora, l’amministrazione Biden ha resistito all’idea di un “passaporto vaccinale” per gli Stati Uniti. Il 28 maggio, il direttore della Sicurezza Nazionale (DHS) Alejandro Mayorkas ha detto che gli Stati Uniti avevano “uno sguardo molto attento” sui passaporti vaccinali per i viaggi internazionali. Più tardi lo stesso giorno, il DHS ha chiarito che non ci sarà alcun “mandato federale” per i passaporti vaccinali negli Stati Uniti.

Secondo il Los Angeles Times, gli Stati Uniti non hanno una banca dati nazionale per registrare le immunizzazioni, tale da fungere da fonte di dati di vaccinazione per l’uso in passaporti digitali. Questo perché nel 1998 è stato vietato un sistema nazionale che crei un numero di identificazione unico per collegare le cartelle cliniche di ogni americano, sotto la guida dell’allora rappresentante al Congresso Ron Paul (R-Texas), che ha detto che un tale sistema sarebbe un’intrusione ingiustificata nella privacy.

Un tentativo di rovesciare il divieto è passato alla Camera degli Stati Uniti nel 2019, ma è stato respinto dal Senato.

In assenza di una politica federale, gli americani potrebbero avere bisogno di diversi pass digitali, un po’ come avere molte carte di credito nel portafoglio, ha riferito il Los Angeles Times. Potrebbe anche significare che i datori di lavoro, le imprese e gli operatori dei locali dovranno decidere quale opzione funziona per loro – o potrebbero non preoccuparsi di usarne alcuna.

Un numero crescente di imprese – dalle compagnie di crociera agli impianti sportivi – hanno già detto che richiederanno una prova delle vaccinazioni per l’ingresso o i servizi.

Centinaia di iniziative di passaporti di salute digitale stanno tentando di lanciare app che forniscono un record elettronico verificato di immunizzazioni e risultati negativi del test COVID per semplificare il processo per le imprese e altre istituzioni.

Gli Stati prendono posizione

La questione ha scatenato un dibattito negli Stati Uniti, e ha portato un certo numero di stati a introdurre leggi per limitare o vietare i passaporti vaccinali a causa della privacy, l’equità, la libertà e problemi di responsabilità.

Questi stati includono FloridaTexasMissouriUtahArizonaArkansasMontanaIndianaIowaAlaskaAlabamaCarolina del SudNord DakotaSud DakotaGeorgiaWyoming e Idaho.

Finora, i passaporti vaccinali sono stati implementati in due stati – New York e Hawaii.

New York ha implementato l’”Excelsior Pass” – una prova elettronica di vaccinazione sviluppata da IBM – che alcune aziende nello stato di New York richiedono per poter entrare.

Secondo il New York Times, lo stato prevede di espandere il programma – che si stima costerà ai contribuenti 17 milioni di dollari – possibilmente usando il sistema in futuro per verificare l’età, lo stato della patente di guida e altri documenti sanitari dei residenti.

Alle Hawaii, gli individui completamente vaccinati che caricano la prova della vaccinazione nel sistema statale “Safe Travels” sono autorizzati a viaggiare tra le contee senza test pre-viaggio o restrizioni di quarantena. Il governatore David Ige ha detto che sta puntando al 4 luglio per permettere ai viaggiatori vaccinati fuori dallo stato che entrano alle Hawaii di evitare le restrizioni attraverso un sistema simile.

A partire dal 15 giugno, le Hawaii espanderanno il loro programma di passaporti ai viaggiatori trans-pacifici che sono stati vaccinati alle Hawaii.

Alla fine della settimana scorsa, il governatore della California Gavin Newsom ha annunciato che il suo stato introdurrà un nuovo sistema di verifica vaccinale per le imprese private.

Durante un evento a San Francisco il 14 giugno, Newsom ha detto che il sistema consisterà in schede elettroniche per i vaccini che gli individui possono tenere sui loro telefoni invece di portare in giro una scheda cartacea.

Una volta che lo stato riapre completamente senza limiti di capacità, il che è successo martedì, le imprese possono richiedere agli individui di mostrare le loro carte vaccinali per dimostrare che non hanno bisogno di indossare la mascherina, ha riferito SFGATE . Newsom annuncerà la versione californiana di questo sistema elettronico alla fine di questa settimana.

In tutti i pass o applicazioni digitali nuovi o proposti negli Stati Uniti, le persone che sono state vaccinate o sono risultate negative al test devono prima acconsentire a che le loro informazioni siano caricate nel pass o nell’applicazione, secondo il Los Angeles Times.

Al di fuori dell’UE e degli Stati Uniti, l’Australia all’inizio di questo mese ha introdotto una prova digitale del certificato di vaccinazione, e il Giappone prevede di emetterne uno a partire da questa estate.

Pubblicato originariamente su The Defender.

Please read our Re-publishing Guidelines.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

+ 60 = 70

Message from RFK
Share via
Copy link
Powered by Social Snap