Le manifestazioni mondiali e la nascita di un movimento internazionale per la libertà

Di Senta Depuydt

Nell’ultimo anno, istituzioni internazionali e governi di tutto il mondo hanno adottato misure in risposta alla pandemia che limitano e controllano il movimento delle persone ad ogni passo, ad ogni respiro. Sono state imposte decisioni arbitrarie sotto una valanga di messaggi spaventosi e la regola dei numeri ha sostituito quella della legge. Premier e filantropi continuano a dire che non c’è altra soluzione. Mentre l’espressione della voce del popolo sembra essere stata completamente messa a tacere dalla maggior parte dei parlamenti e delle assemblee consultive, si può sentire a livello collettivo che sta nuovamente montando.

Verso la fine dell’estate, un numero crescente di cittadini in tutto il mondo ha iniziato a protestare contro le sproporzionate “misure Covid19”, poiché era diventato evidente che le autorità avevano più interesse a controllare persone e promuovere vaccini piuttosto che a curare la malattia e cercare interventi equilibrati. Le cose si sono evolute molto rapidamente, dal “gioco del distanziamento sociale” per appiattire la curva al lockdown, al coprifuoco, ai campi di quarantena con filo spinato e ben presto al passaporto vaccinale e forse anche ai braccialetti digitali per monitorare i movimenti delle persone.

No, questo non riporterà la società indietro alla vita libera, sana e felice a cui tutti aspiriamo. È comprensibile che la rabbia sia grande e che i leader attualmente a capo dei paesi si preparino ad affrontarla reclutando più truppe e investendo maggiormente nelle tecnologie di controllo.

Se continueranno a spingere le popolazioni verso condizioni estreme che porteranno a una forma di guerra civile, potranno intervenire, “neutralizzare” l’opposizione e attuare ad alta velocità un nuovo “reset” totalitario. Ma nonostante questo scenario prevedibile, le cose potrebbero prendere una direzione diversa. Sta emergendo una nuova forma autentica di resistenza pacifica.

Da un lato, sembra che l’attenzione del pubblico non si concentri solo sui “chiacchieroni” che ululano di rabbia, ma si stia gradualmente spostando su personalità che rimangono calme e misurano le parole.

D’altra parte, stiamo assistendo a un cambiamento nel modo in cui le persone si connettono tra loro. Il vecchio format delle “organizzazioni”, con un gruppo dominante di leader e una struttura formale, si logora a causa di conflitti dell’ego e di problemi materiali. Gli attivisti ora si incontrano in modi diversi, vivono nelle comunità locali e si trovano online in incontri internazionali. La rete di intelligence collettiva sta crescendo in modo esponenziale, ed è semplicemente mozzafiato. Avvocati, scienziati, medici, attivisti, giornalisti, artisti, blogger, persone con capacità e competenze diverse si uniscono per trovare modi per proteggere la nostra società da questa deriva disumanizzante. Il fenomeno delle proteste globali è un esempio di questo nuovo movimento internazionale per la libertà. Persone da tutto il mondo si riuniscono lo stesso giorno per una marcia per la pace e la libertà. Non importa ora se ci sono grandi palcoscenici con personaggi famosi, o se il governo lo consente o meno. In un modo o nell’altro, saranno tutti “lì”. Ogni giorno nuovi gruppi di persone si uniscono alla protesta e vengono annunciati nuovi raduni in altre città. Questa è una formula “Fai la tua manifestazione”, in cui tutti sono invitati ad agire con piena responsabilità.

Molte persone si chiedono ancora: “chi sta organizzando questi eventi? Chi c’è dietro tutto questo? Cosa vogliono?”. Alcuni hanno paura di essere manipolati. Alcuni vogliono sapere chi possono distruggere in un articolo appariscente. Altri vogliono sapere chi intimidire o fermare. Ma, a parte una carta geografica condivisa e una giornata comune, non c’è molto a cui aggrapparsi, nessun gruppo dirigente con una propria agenda. Certo, alcune persone hanno aperto canali di social media e siti web dedicati, ma la loro identità non ha molta importanza. Qui non si tratta di sostenere le personalità. Si tratta semplicemente di condividere valori comuni. Quando si guarda a queste proteste globali, sembra che stia emergendo una forma di attivismo internazionale di base. Non guidata tanto da “nuovi leader”, quanto da un’aspirazione comune a connettersi gli uni con gli altri e a fare della libertà e della pace le nuove basi di una società globale.

Se questo è davvero ciò che sta accadendo, allora è un vero segno di speranza, e si può solo sentire il desiderio di unirsi ed “essere” lì.

 

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK