Il giudice tedesco che si è pronunciato contro le maschere facciali e i test per gli scolari ha la sua casa privata perquisita dalla polizia

da Vicky Richter & Markus Haintz

Il 26 aprile 2021, un giudice del tribunale della famiglia di Weimar, Germania, il giudice Christian Dettmar ha avuto la sua casa privata e il suo ufficio perquisiti e il suo cellulare confiscato con l’accusa di “piegare la legge”. L’incursione ha seguito un‘ingiunzione del giudice l’8 aprile 2021, in cui ha trovato che l’obbligo per gli scolari di indossare maschere e sottoporsi a test per il coronavirus è scientificamente infondato e contro gli interessi dei bambini.

Il raid è stato ordinato dal procuratore distrettuale di Erfurt nello Stato Libero di Turingia, di cui anche Weimar fa parte. Fonti dell’ufficio del procuratore distrettuale sostengono che c’è ragione di supporre che il caso di due studenti, che ha costituito la base per l’ingiunzione, sia stato deliberatamente diretto al giudice Dettmar, che si presumeva fosse incline alle opinioni del querelante.

La Corte aveva ascoltato le prove scientifiche di diversi esperti, tra cui l’igienista Prof. Dr. med Ines Kappstein, lo psicologo Prof. Dr. Christof Kuhbandner e il biologo/virologo Prof. Dr. rer. biol. hum. Ulrike Kämmerer.
Nonostante l’irruzione abbastanza insolita e probabilmente incostituzionale – i giudici in Germania sono indipendenti secondo l’articolo 97 della Legge fondamentale (Grundgesetz) della Germania – l’ingiunzione di fondo non è stata formalmente revocata. I due bambini, che avevano chiesto le ingiunzioni, sono ancora esenti dalle “misure di contenimento” obbligatorie.

Gli osservatori sono molto critici della mossa contro il giudice. L’incursione è ampiamente interpretata come un segnale rivolto ad altri giudici per essere consapevoli di possibili gravi conseguenze.

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK