I danni da vaccino sono reali, mettete sempre al primo posto la salute del vostro bambino

di Senta Depuydt
Madre, giornalista e presidente di CHD Europe

In questo momento la pressione per fare il vaccino sembra insopportabile. In molti paesi la maggior parte delle persone ha paura di perdere il proprio lavoro e la propria reputazione, e si sente esclusa dalla partecipazione socioeconomica alla società. È una situazione dura, ma potrebbe non durare per sempre, se difendiamo i nostri diritti.

A coloro che stanno pensando di “arrendersi”: molti genitori con bambini danneggiati da vaccino hanno perso tutte queste cose e il loro amato figlio o figlia potrebbe restare handicappato per tutta la vita. Quindi ricordatevi di mettere la salute di vostro figlio al di sopra di tutto il resto. Questa è la mia esperienza di mamma e di giornalista:

Molto prima del Covid, decine di genitori mi hanno detto questo:

Nostro figlio ha ricevuto un vaccino e la stessa notte o entro una settimana ha avuto:

  • febbre alta o/e
  • ha iniziato a urlare o/e
  • avuto convulsioni o/e
  • perso conoscenza

Lo abbiamo portato al pronto soccorso dell’ospedale e ci è stato detto che “questo è normale” e che “questo significa che il vaccino funziona”.

Dopo qualche giorno, la febbre è scesa, ma sono comparsi nuovi sintomi

  • ha iniziato ad avere problemi gastrointestinali e/o
  • insonnia
  • Continuava a urlare di dolore
  • avuto più convulsioni

In poche settimane, “nostro figlio è regredito” e ha perso

  • contatto visivo e/o
  • capacità di camminare
  • capacità di parlare
  • Interazione sociale

Ha poi sviluppato

  • Stimming (insieme di movimenti ripetitivi come volteggiare, battere le mani o vocalizzazioni, NdT)
  • ferite autoinflitte
  • Comportamento violento
  • assenza, apatia

A questo punto della storia, interrompevo i genitori e dicevo: “Penso di sapere cosa è accaduto dopo”.

Siete andati dal pediatra e vi ha detto che non aveva niente a che fare con il vaccino e che non c’era nulla di cui preoccuparsi. Nessuno dei trattamenti prescritti ha funzionato davvero. Ci sono voluti diversi mesi per ottenere un appuntamento con uno specialista e per ottenere una diagnosi. Nel frattempo, vostro figlio ha continuato a regredire. Alla fine, vi è stato detto che era autismo o disturbo dello sviluppo. Vi è stato detto che il bambino ha bisogno di test genetici (e/o psicoterapia). È probabile…

  • Sindrome di Dravet (tipicamente in Francia)
  • Un tipo genetico di autismo (ci sono 200 geni implicati, potete sempre trovarne una coppia)
  • Epilessia genetica
  • Traumi emotivi ecc..

Invariabilmente, ho sentito i genitori rispondermi…

Sì, è proprio così, nessuno voleva fare il collegamento con il vaccino (MPR o DTP o multivalente ecc.). Ci è stato assicurato che se i sintomi sono comparsi al momento della vaccinazione, si trattava di una “coincidenza temporale”, ma che non poteva esserci alcun “nesso causale”. Siamo stati disprezzati, umiliati e persino minacciati di rimuovere nostro figlio dalla nostra custodia per “abuso” o “negligenza” quando si parlava del vaccino. Abbiamo taciuto perché temevamo che a nostro figlio venissero negate le cure e l’istruzione.

Vi scrivo ora perché anch’io ho visto mio figlio regredire, perdere il contatto visivo, l’interazione sociale, perdere la parola, essere assente, urlare ogni notte, sbattere la testa sul pavimento e avere convulsioni. È anche perché sono eccezionalmente fortunata per averlo potuto aiutare a tornare a una vita normale, dopo anni di cure che sono costate decine di migliaia di euro e centinaia di ore della nostra vita. Purtroppo, anche con tanta cura e terapia del corpo e della mente, la maggior parte degli altri bambini non riesce a ritrovare la propria salute e a riavere indietro tutte le proprie facoltà. E sarà difficile per loro condurre una vita indipendente e appagante.

Quanto alle madri coraggiose che lottano ogni giorno per sostenere con amore e cura questi bambini, la maggior parte di loro ha perso il lavoro, il denaro, la vita sociale, a volte non c’è scuola o asilo per il bambino, e nell’80% dei casi sono state lasciate dai mariti. Alla fine è in gioco la loro stessa salute.

Negli Stati Uniti, quasi 1 bambino su 30 ha l’autismo. Durante il tour del film Vaxxed, più di 10.000 famiglie sono venute per incontrare la troupe cinematografica e raccontare la loro storia. Ad oggi sono state raccolte oltre 120.000 testimonianze.

Questa è la realtà nascosta dei buoni vecchi vaccini classici, garantiti “sicuri ed efficaci” per i quali gli effetti collaterali sono “rari”…

Ora, in pochi mesi, i “vaccini” Covid che utilizzano tecnologie sperimentali hanno già causato più morti e danneggiati di tutti gli altri vaccini messi insieme per oltre 20 anni. Le decisioni alla cieca della FDA, del CDC, “tradotte” dall’Agenzia europea per i medicinali e dai nostri governi hanno provocato la morte non necessaria di molti giovani adulti e adolescenti. Nel loro caso, il rapporto rischio-beneficio è automaticamente negativo, perché non muoiono di Covid e non trasmettono la malattia.

Sentiamo dire che “la miocardite non è così grave”. È una lesione cardiaca permanente e molti pazienti moriranno dopo 5 anni.

Poche settimane fa a Bousval, in Belgio, vicino a dove vivo, il bambino di una madre che ha ricevuto un vaccino contro il Covid ha subito una trombosi 3 giorni dopo la nascita, con conseguenti gravi danni cerebrali. Ai genitori è stato assicurato che “questo non poteva essere il vaccino, che era sicuro ed efficace” e i medici si sono rifiutati di segnalare questo tragico incidente al nostro database di farmacovigilanza.

La cosa non mi stupisce, ma mi fa comunque venire voglia di gettare un secchio d’acqua in faccia a tutti i medici che hanno abbandonato l’elementare principio di precauzione e si rifiutano di interrogarsi.

Tutto questo disastro, tutte queste vittime passate e presenti sono la conseguenza di persone che si sono rifiutate di vedere la realtà, a causa della loro carriera, della loro reputazione, della loro “credibilità” e soprattutto della loro colpa inconscia.

Secondo il dottor Mike Yeadon, ex vicepresidente e direttore scientifico di Pfizer Global R&D, i vaccini mRNA hanno 50 volte più probabilità di uccidere i bambini rispetto al virus stesso.

Questo è tutto quello che c’è da dire.

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK