Fake News e traduzioni: Come fare la differenza nel caos delle informazioni (vere o false)

di Senta Depuydt

Negli ultimi due anni, molti amici e sostenitori mi hanno inoltrato messaggi in varie lingue chiedendomi “Ciao, è vero? Generalmente, il titolo suona come uno scoop, una rivendicazione enorme, la promessa di una notizia che farebbe cambiare immediatamente la situazione. Sono sicura che tutti hanno letto qualcuno dei seguenti:

1. ‘Vittoria! Kennedy ha vinto un’enorme battaglia alla Corte Suprema degli Stati Uniti che ha cancellato la vaccinazione universale’.

2. ‘Robert Kennedy, Dolores Cahill e Reiner Fuellmich stanno attaccando Bill Gates, il Papa e la Regina Elisabetta II per crimini contro l’umanità davanti alla Corte Suprema canadese’.

3. “Il premio Nobel Luc Montagnier dice che tutti i vaccinati moriranno entro due anni”

4. “Il 99% del vaccino della Pfizer è ossido di grafene ed è tossico”

5. Ultime notizie! “Norimberga 2.0 contro i leader mondiali inizia il 3 luglio con Reiner Fuellmich e più di 10 000 esperti di salute e 1000 avvocati in tutto il mondo”

Si può essere tentati di inoltrare immediatamente queste “notizie” sensazionali perché fanno appello alle nostre emozioni e sono più suscettibili a scatenare reazioni rapide. Ma è necessario fare lo sforzo di verificare la qualità del messaggio o può “ritorcersi” e inquinare solo la nostra rete. Ci sono alcuni consigli che dovrebbero essere un riflesso immediato per un primo rapido controllo di ‘qualità’, ma a volte la ricerca personale ha i suoi limiti, soprattutto quando è richiesta la conoscenza di un dominio specifico, della terminologia o della lingua. Per quanto riguarda i 5 ‘scoop’ di cui sopra, i fatti e le affermazioni su Robert F. Kennedy, Jr. devono essere verificati in inglese, le sessioni di Reiner Fuellmich sono spesso in tedesco, la maggior parte delle dichiarazioni di Luc Montagnier sono in francese e l’articolo originale sul grafene di la Quinta Columna è in spagnolo. Non parliamo poi di tutto quello che uno vorrebbe e dovrebbe leggere in cinese…

Le lingue giocano un ruolo importante nella battaglia delle notizie “false e vere” e sono di importanza critica nella lotta globale per la libertà e la protezione delle nostre vite. Uno sguardo più attento agli esempi di cui sopra rivela anche che c’è più in gioco di quello che la maggior parte delle persone potrebbe immaginare.

Prima di approfondire la questione della traduzione, ecco 3 consigli per un “pre-check”:

1. Qual è la data?

La “notizia dell’ultima ora” potrebbe essere di due anni fa. Molto potrebbe essere successo da allora, ma potrebbe ancora valere la pena di condividere l’informazione se un argomento guadagna nuovo interesse.  Quindi, prima di inviarlo ulteriormente, aggiungere un commento sulla data e sul perché è ancora rilevante potrebbe fare la differenza.

2. C’è un link nel post, articolo o video che rimanda alla fonte originale?

I link devono essere controllati! Se si parla di una persona famosa come Kennedy o Reiner Fuellmich per esempio, controllate i loro media (The Defender per Kennedy, Oval media per Fuellmich). Logicamente, ogni azione legale intrapresa da Robert F. Kennedy, Jr. e dagli avvocati che lavorano presso o in collaborazione con Children’s Health Defense è pubblicata sul sito web e su The Defender.

Lo stesso vale per altri avvocati o scienziati. La cosa migliore è cercare se hanno un sito web o un blog.

Un articolo che parla di scienza dovrebbe avere un link a una rivista scientifica.  Non significa che sia buona scienza, ma è un primo passo nell’indagine. L’articolo cita gli altri lavori scientifici, viene da una vera università o istituto scientifico?  Queste sono indicazioni importanti.

3. Qual è la credibilità degli autori del messaggio e delle persone menzionate in esso?

Guarda sempre l’autore del messaggio e le persone che vi compaiono per vedere se entrambi sono credibili. Le persone di cui si condividono le opinioni e il lavoro hanno un’esperienza o una conoscenza specifica del tema discusso? Hanno conflitti o interessi?

L’autore fornisce link solidi per sostenere il contenuto in modo che i lettori o gli spettatori possano accedere ai documenti da soli? Sorprendentemente i media mainstream spesso trascurano di farlo, e citano solo le agenzie di stampa come unica fonte di informazioni.

Molti veri investigatori e analisti hanno lasciato i “vecchi media mainstream” per creare o unirsi a canali di notizie on-line indipendenti. Vale la pena di controllarli regolarmente per vedere se confermano o discutono le informazioni che dovete controllare… Abbonarsi a qualche buon Newsfeed o newsletter dovrebbe rendere tutto più facile.

La sfida delle lingue

Per trovare ciò che viene detto in un’altra lingua, gli strumenti di traduzione automatica come DeepL o Google Translate sono spesso abbastanza buoni per avere una prima idea generale di un contenuto soprattutto quando la traduzione va da una lingua straniera all’inglese. Ma a volte il risultato è semplicemente sbagliato o senza senso. Questo è particolarmente il caso quando è presente un vocabolario relativo a domini specifici. Per esempio, la parola ‘discovery’ usata in una causa negli Stati Uniti significa che il convenuto avrà l’obbligo di rivelare tutti i documenti richiesti. Sfortunatamente, la maggior parte delle procedure di contenzioso europee non hanno un equivalente per questo. Una traduzione base della parola ‘discovery’ in francese o in italiano, per esempio, si riferirebbe semplicemente a una sorta di ‘nuova scoperta’ come in un’innovazione scientifica, ma non trasmetterebbe il vero significato del testo. Ecco perché è importante avere persone qualificate per rivedere le traduzioni. Non si tratta solo di parole e grammatica, ma anche di significato e contesto.

A questa difficoltà si aggiunge la necessità di lavorare ad una velocità sempre maggiore. La pandemia ha portato una tale accelerazione nella nostra società che a volte, quando la traduzione è finita, ci sono già nuovi sviluppi. Inoltre, molte persone ora registrano video invece di scrivere articoli e il pubblico ha un tale bisogno di avere le informazioni il più velocemente possibile che ci sono “battaglie” tra traduttori concorrenti per essere il primo a far uscire una traduzione.

Così i primi a completare il lavoro ottengono il maggior numero di visualizzazioni sul loro canale. Il risultato può essere meraviglioso, ma anche terribile. Non ci può essere solo una cattiva traduzione, ma anche tagli, aggiunte e interpretazioni sbagliate. Quando si usa il doppiaggio invece dei sottotitoli, diventa difficile confrontare la traduzione con il messaggio originale, specialmente se le fonti e i riferimenti primari vengono scartati.

Sfortunatamente, molti traduttori lo fanno per assicurarsi che lo spettatore rimanga sul loro canale dove sono presenti altri video e dove condividono i loro interessi personali, le loro credenze o tendenze politiche, qualunque esse siano.  Così si trasformano da traduttori a fornitori di notizie e influencer. In sé, questa non è una brutta cosa, ma c’è sempre il rischio di dipendere pesantemente dal profilo e dalle opinioni del traduttore.

Notizie inventate, fact checking più profondo e contenuti discutibili

Come trasformare verità imbarazzanti in “fake news”? Semplicemente alterando leggermente l’informazione originale del messaggio e poi amplificando la sua diffusione per coprire le informazioni reali fino a quando non è maturo per un ‘debunking’ delle modifiche introdotte inizialmente. Titolo fuorviante, elementi mischiati e affermazioni esagerate sono il modo più semplice per trasformare  ‘fatti veri’ in ‘falsità’.

Ecco 5 esempi recenti di come questo sia accaduto:

1. ‘Vittoria! Kennedy ha vinto un’enorme battaglia nella Corte Suprema degli Stati Uniti che ha cancellato la vaccinazione universale’

Leggendo come l’AFP Agence France Presse, una delle principali agenzie di stampa in Europa e Africa, sta sfatando l’affermazione, si scopre che i fact checker sono ben consapevoli che si tratta di un melange di informazioni che fanno riferimento alla causa contro HHS vinta nel 2018 da Robert F. Kennedy, Jr. in rappresentanza dell’Informed Consent Action Network (ICAN). Tuttavia, invece di riprodurre il comunicato stampa originale, AFP ha cambiato leggermente i termini delle affermazioni originali e poi ha inviato il lettore a un precedente “debunking”.  Vale la pena dare un’occhiata più da vicino per capire cosa c’è dietro questo tipo di ‘fact checking’.

Il fatto vero imbarazzante: sì, RFK e ICAN hanno vinto una causa importante contro HHS dimostrando che il dipartimento non ha rispettato i suoi obblighi legali di informare il Congresso sui progressi della sicurezza dei vaccini. Questo è un fallimento del governo americano e della sua agenzia.

Il comunicato stampa ufficiale fatto da ICAN su PRNewsWire dice: “Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (HHS) ha ammesso che, in diretta violazione della legge federale, non ha fornito un solo rapporto sulla sicurezza dei vaccini al Congresso per trent’anni, secondo Informed Consent Action Network (ICAN)”

E inoltre…

“Il Congresso ha quindi imputato il Segretario dell’HHS della responsabilità esplicita di assicurare la sicurezza dei vaccini. Rapporti biennali sui progressi dell’HHS nel migliorare la sicurezza dei vaccini dovevano essere presentati al Congresso. Eppure, come ICAN ha ora dimostrato, questi rapporti non sono mai stati creati”.

Mentre il fact check di AFP dice: “Una delle più grandi organizzazioni anti-vaccino negli Stati Uniti, l’Anti-Vaccine Informed Consent Action Network (ICAN), ha presentato una causa per la libertà di informazione contro il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) degli Stati Uniti nel 2018, chiedendo ai funzionari di rilasciare rapporti dettagliati sugli effetti collaterali dei vaccini.

Il dipartimento ha detto che non poteva trovare questi rapporti, che ICAN ha citato come prova che il governo federale non è riuscito a studiare completamente gli effetti dei vaccini negli ultimi 30 anni.”

Qui è stata omessa un’informazione cruciale: per legge federale, c’è l’obbligo per l’HHS di presentare ogni due anni al Congresso rapporti sul miglioramento della sicurezza dei vaccini.  Nessun rapporto di questo tipo è stato presentato al Congresso in 30 anni. Ovviamente, questi rapporti non sono stati ‘persi’ ma mai scritti.

Indottrinamento nascosto?

Ora, perché questo ‘vecchio falso’ riemerge nel 2021? Il fact check di AFP dell’aprile 2021 non solo cerca di neutralizzare le conclusioni della causa ICAN, ma sfrutta l’occasione per introdurre questioni altamente controverse come certezze. In realtà l’articolo è un evidente tentativo di abbattere qualsiasi critica contro la vaccinazione obbligatoria per il Covid 19.

Inizia citando la decisione iniziale “Jacobson vs Massachussets” che ha autorizzato l’obbligo del vaccino antivaioloso per ancorare l’idea che la vaccinazione obbligatoria non viola i diritti costituzionali mentre è noto che Robert F. Kennedy, Jr. e il suo team hanno ripetutamente e ampiamente criticato e discusso ciò.

Inoltre l’articolo prosegue con diversi paragrafi per rimuovere i dubbi sulla sicurezza dei vaccini ad mRNA.  Chiaramente il processo di debunking serve l’agenda dell’accettazione del vaccino Covid 19 più che il solo ‘fact checking’ di un vecchio ‘falso’.

2. Robert Kennedy, Dolores Cahill e Reiner Fuellmich stanno attaccando Bill Gates, il Papa e la Regina Elisabetta II per crimini contro l’umanità davanti alla Corte Suprema canadese

Verità imbarazzante: una class action è stata presentata alla Corte Superiore di Giustizia dell’Ontario non da Kennedy, Cahill e Fuellmich ma dall’avvocato canadese Michael Swinwood.  Le accuse prendono di mira i funzionari governativi e le parti menzionate (Bill Gates, la regina Elisabetta II e il Papa) a nome di un gruppo chiamato gli anziani spirituali che sostengono di essere rappresentanti della popolazione canadese. L’avvocato Michael Swinwood ha ottenuto informazioni e supporto aperto dal suo collega tedesco Reiner Fuellmich e sono apparsi insieme in diversi video.

Il fact check di Poynter non cita la fonte e scrive solo una frase:

Spiegazione: I tribunali canadesi negano questo e la presunta causa allegata è stata respinta da un tribunale inferiore. Anche gli autori non corrispondono a quelli attribuiti nel messaggio.

Poynter ha ragione a correggere le informazioni, ma è un breve commento per un’accusa così grande che copre decine di pagine. Il loro sito web fornisce un link a un articolo completo di ‘debunking’ che è in spagnolo (quale logica assurda di un fact check inglese di un caso canadese). Naturalmente, la maggior parte dei lettori non si prenderà la briga di andare oltre e sarà scoraggiata dal leggere la lista di accuse contro queste ‘persone intoccabili’.

3. “Il premio Nobel Luc Montagnier dice che tutti i vaccinati moriranno entro due anni”

Verità imbarazzante: il professor Montagnier ha fatto diverse dichiarazioni critiche dall’inizio della pandemia. Contro tutte le altre opinioni ha affermato che il virus ha avuto origine da un laboratorio. Ha sottolineato i pericoli dei vaccini e la necessità di rispettare il principio di precauzione e sta attribuendo l’emergere di nuove “varianti” alla campagna di vaccinazione Covid 19.

L’affermazione estrema che “tutte le persone vaccinate moriranno entro 2 anni” è circolata in inglese e in altre lingue in video con immagini di interviste rilasciate da Luc Montagnier e utilizzando traduzioni false. I fact-checker puntano a notizie false pubblicate su ‘Rair foundation’ in America e poi fatte circolare su reti canadesi e indiane. Rair ha un’altra storia e dice che la dichiarazione fabbricata è venuta come risposta a un articolo che hanno scritto sulla base di un’intervista in France Soir in cui il premio Nobel discute di varianti. Hanno ripubblicato la trascrizione completa della traduzione del video del Prof. Montagnier.

Nel frattempo la bufala è stata tradotta in francese e ha iniziato a diffondersi sui social media. Tuttavia, molte persone sembrano essere scettiche e mettono in dubbio l’autenticità del video. Infine, il giornale francese France Soir ha fatto un’intervista speciale con il prof. Montagnier per evitare l’ulteriore diffusione di queste dichiarazioni surreali.

4. “Il vaccino antiCovid della Pfizer è composto al 99% da ossido di grafene, che è tossico per il corpo umano e causa una serie di problemi”

Questo proviene da un video della dottoressa Jane Ruby che parla allo ‘Stew Peters show’ per mettere in guardia il pubblico sui pericoli dei vaccini antiCovid. La dottoressa Ruby dice di aver letto “la traduzione inglese della ricerca spagnola” che mostra che il vaccino mRNA della Pfizer è pericoloso perché usa l’ossido di grafene.

Lo ‘studio spagnolo’ è un’analisi di una fiala di vaccino fatta dal dottor Pablo Campra su richiesta di un certo signor Ricardo Delgado de ‘La Quinta Columna’ che ha poi condiviso le informazioni in diverse interviste video.

Queste affermazioni, così come la credibilità di Ruby e Delgado come esperti, sono state affrontate in un articolo di PoliticoFacts (Poynter).

La giornalista Whitney Webb, che ha una formazione in biologia e una perfetta comprensione della registrazione spagnola, le ha anche verificate in una sessione di 2 ore discutendo la validità scientifica dei documenti così come le vere competenze dell’autore nel campo.

Ma mentre concorda anche sul fatto che il materiale di Delgado non sembra avere basi solide, lancia l’allarme sui rischi posti dalla possibile presenza di ossido di grafene nei vaccini e fornisce altre risorse utili per la ricerca sull’argomento. Dal momento che la Delgado/Quinta Columna è diffusa ovunque c’è il rischio che anche altre analisi più affidabili sull’argomento vengano liquidate.

5. Ultime notizie! “Norimberga 2.0 contro i leader mondiali inizia il 3 luglio con Reiner Fuellmich e più di 10 000 esperti sanitari e 1000 avvocati in tutto il mondo

Fatti imbarazzanti: L’avvocato tedesco Reiner Fuellmich è stato molto attivo nel denunciare la mancanza di basi legali e scientifiche per la “risposta pandemica”, in particolare il presunto numero di “casi” derivati da un uso improprio dei test PCR.  Dall’inizio della pandemia ha tenuto delle ‘sessioni di udienza’ settimanali in un ‘Comitato Investigativo Corona’ online che coinvolge scienziati, medici, avvocati e whistleblower da tutto il mondo per documentare le prove di frode, abuso e danni inflitti durante la ‘crisi Corona’. Fuellmich menziona regolarmente l’intenzione del suo gruppo e di circa 100 avvocati internazionali di citare in giudizio organizzazioni e individui che ritengono responsabili di crimini contro l’umanità a lungo termine.  Ma dire che “un processo di Norimberga 2.0 contro i leader mondiali inizierà presto” è in realtà prematuro.

L’annuncio del 3 luglio è apparso sui social media francesi all’inizio di giugno ed è stato ampiamente condiviso.  È stato immediatamente seguito da una serie di articoli di demistificazione nei media tradizionali.

In Belgio, “Le Soir” ha pubblicato un lungo articolo nel suo progetto di debunking “Faky”. Affermava che “non ci sono elementi per confermare questi annunci” e assicurava che una “Norimberga 2 non poteva semplicemente accadere”.  Il fatto che il giornalista abbia intervistato diversi professori di diritto sulla possibilità di una tale azione sia davanti a un tribunale penale internazionale come quello dell’Aia sia nella creazione di un tribunale internazionale specifico è indicativo delle aspettative di una parte dell’opinione pubblica e probabilmente anche delle preoccupazioni che ciò sta suscitando tra i funzionari sanitari e governativi.

L’articolo fornisce utili spunti, ma il futuro caso di Fuellmich è liquidato troppo facilmente con l’argomentazione che “non ci sarebbero prove solide per tale caso”.  Sarebbe stato certamente rilevante fare un collegamento alle ‘sessioni di corona’ di Fuellmich e citare diverse importanti decisioni legali che si basavano sui materiali forniti dagli esperti del suo gruppo. I tribunali in Portogallo, Bosnia e nella città di Weimar, Germania, hanno tutti concluso che le misure non erano giustificate, ma sproporzionate e che violavano i diritti costituzionali. Aggiungere che i giudici e gli esperti del caso Weimar sono stati “puniti” con perquisizioni domiciliari, sequestro di documenti e materiali dopo aver emesso la loro sentenza avrebbe dato l’imparzialità necessaria per un vero giornalismo indipendente.

Il giornale francese France Soir, che è stato molto critico sulla risposta alla pandemia, ha intervistato Fuellmich per mettere in chiaro i fatti e interrompere il ciclo di “diffusione di voci e debunking”.

Va notato che l’intervista è stata condotta in inglese con sottotitoli in francese.

Da questi esempi è evidente che il fact checking non è neutrale. Affronta sempre argomenti molto controversi, ma in un modo che evita un vero dibattito.  Fa parte di ciò che i fabbricanti di propaganda chiamano “astroturfing“, un modo per “falsificare” le comunicazioni popolari spontanee e di base.

Notizie verificate in tutte le lingue sono la chiave per resistere alla propaganda globale

Nell’attuale battaglia dell’informazione, le lingue risultano essere una grande sfida. Essere in grado di condividere rapidamente notizie e contenuti affidabili è una necessità per raccogliere le forze e lavorare insieme a livello internazionale.  A differenza del Nordamerica o dell’America Latina, non c’è una lingua comune in Europa. Questo non è dovuto a una mancanza di educazione o di interesse reciproco, ma al nostro patrimonio culturale e storico.

Prima di iniziare CHD Europe, ero membro di altre 2 organizzazioni non-profit europee. Ricordo di aver chiesto in una riunione quali lingue parlavamo ciascuno. Ognuna delle 25 persone parlava correntemente almeno tre lingue, mentre alcuni ne parlavano fino a 6. Il gruppo poteva capire quasi 40 idiomi diversi, ma il mix di lingue che ognuno di noi padroneggiava era diverso. Tipicamente i francesi parlavano italiano e spagnolo, i polacchi russo e tedesco, i danesi padroneggiavano svedese e inglese, gli olandesi erano fluenti in inglese e tedesco e così via. Ecco perché fare qualcosa a livello “europeo” è così complicato.

In un’epoca in cui i soli fatti sono oggetto di discussione permanente, notizie verificate e una traduzione accurata sono la chiave per mettere d’accordo le persone e consentire una vera collaborazione.  Per la prima volta nella storia gli europei non sono in lotta tra loro, ma hanno bisogno di riunirsi per affrontare un nemico comune. Molto dipende da come riusciremo a organizzarci per riaprire un dialogo con le persone che stanno – consapevolmente o meno – collaborando a un “golpe” mondiale.

Questo fa parte della nostra missione a Children’s Health Defense.

Please read our Re-publishing Guidelines.


Message from RFK